Tune-Yards - I can feel you creep into my life
4AD - 2018

Recensione: tUnE-yArDs- I Can Feel You Creep Into My Life

Tune-Yards - I can feel you

4AD – 2018

Tune-Yards torna con un affascinante viaggio musicale, fra lo-fi, pop e world-music.

tUnE-yArDs (più semplicemente Tune-Yards) è il progetto musicale di Merril Garbus, giovane musicista originaria del New England. Sin dagli esordi beniamina della critica internazionale, Garbus ha sempre proposto una musica estremamente elaborata, dalle sonorità complesse e non sempre di facile recezione. Un interessante  mélange di art-pop, musica elettronica e world music abita l’universo di Merril. L’ultimo album, I Can Feel You Creep Into My Life,  non fa eccezione e presenta 12 tracce che in circa tre quarti d’ora intrattengono e allo stesso tempo affrontano con coraggio e intelligenza tematiche politiche scottanti.

Heart Attack apre subito le danze con prepotenza. E’ un brano ritmatissimo che Garbus racconta di avere composto con un OP-1, un sintetizzatore compatto multitasking. La lettura di Last Night a DJ Saved my life, libro scritto da Bill Brewster e Franck Broughton nel 1999 ha contestualmente influenzato le sonorità della traccia, conferendole delle nuances anni ’80 estremamente sincopate. Right, left, right, left, fantasy, fantasy/Don’t let them pave my feet down or I’ll drown/(Coast to coast), recita la prima strofa di Coast to Coast, brano  a sfondo politico, in cui evidenti sono le allusioni alle traumatizzanti elezioni presidenziali americane.

 Matrimonio riuscito fra musica elettronica e atmosfere africane

In più di una canzone sono evidenti le allusioni al continente africano. Colonizer, una dei momenti più interessanti dell’album, ne è un esempio. Sia i ritmi che il testo, infatti, rimandano all’Africa nera, coniugando l’elettronica con ritmi da world music. I use my white woman’s voice to interpret my travels with African men/I turn on my white woman’s voice to contextualize acts of my white women friends/I cry my white woman tears carving grooves in my cheeks to display what I meant, canta Merril.
 
Parte vitale e integrante del duo, il bassista Nate Brenner firma insieme a Garbus tutti i pezzi dell’album. Fra questi anche le tracce più dance e marcatamente anni ’80 come Look at Your Hands, primo singolo e video promozionali.
 Probabilmente non l’episodio migliore di un album che ha invece tanti momenti preziosi e di grande qualità. Come la bella Who Are You, dalle atmosfere jazzate e intriganti,  e la ancora più bella Home che affronta con autoironia e intelligenza l’annosa e attualissima questione di genere e nella quale domina sullo sfondo il saxofono di Matt Nelson.
 
Nel complesso un lavoro estremamente intrigante e pieno di fascino fra i più interessanti di questo debutto 2018.
 
Tune-Yards - I can feel you creep into my world
7,7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mariangela Macocco è stata inviata di TomTomRock da Parigi fino al marzo 2018.

Mariangela Macocco

Written by

Mariangela Macocco è stata inviata di TomTomRock da Parigi fino al marzo 2018.

You may also like...

Lascia un commento!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.