Ty Segall - Ty Segall recensione
Drag City - 2017

Recensione: Ty Segall – Ty Segall

Ty Segall – Ty Segall.

Ty Segall - Ty Segall recensione

Drag City – 2017

Ty Segall  continua a far uscire dischi ribollenti. Dischi che, alle orecchie forse poco ricettive di chi scrive, continuano a sembrare alla ricerca di una direzione che non sia il semplice furore sonico. Per di più il biondo californiano sceglie fastidiosamente di chiamare questo disco con il suo nome (già ce n’era uno, l’esordio del 2008) e si complica la vita con  un prodotto notoriamente a rischio, l’album dal vivo composto  di pezzi inediti. Si tratta di una categoria che conta pochi esempi riusciti (più o meno) come  il mitico Time Fades Away di Neil Young e forse, ma il paragone funziona assai meno, il semi-live di Jackson Browne Running On Empty.

Ty Segall picchia duro ma con scarso costrutto

La scaletta mostra subito i muscoli e parte, a decibel spiegati, con due brani che flirtano con i riff del  grunge, ma cadono presto nel glam rock più trito,  dominato da  assoli chitarristici banali e da una voce ispirata, come sempre,  a mostri sacri quali Bolan e Bowie.

E anche la fantasia latita

Molte delle recensioni, peraltro assai positive, paiono invaghite delle prolungate jam tipo Grateful Dead, in particolare Warm Hands. In realtà, nell’esecuzione non  ci sono  né l’acidità, né la fantasia né, tanto meno,  il pregevole interplay  del gruppo di Jerry Garcia, Quel che si ascolta è solo un protrarsi masturbatorio  degli interminabili 10 minuti del brano (e in alcune interviste Segall ammette pure qualche sovraincisione).

Per contro i due, tre episodi più riflessivi si dimostrano anche più convincenti, Un esempio in tal senso è  Talkin’, un ibrido  tra blues e ballata che funziona, pur scontando  un certo debito verso  Elliott Smith e John Lennon (che è un po’ la stessa cosa, poi…). In questo contesto più meditato fa il suo figurone anche Orange Color Queen, una quasi normale canzone d’amore.

Ci dispiace  non allinearci al coro degli entusiasti, come Pitchfork ad esempio, ma qui, e forse anche sotto il palco, nonostante l’energia consumata, comanda lo sbadiglio…

Ty Segall - Ty Segall
6 Voto Redattore
8 Voto Utenti (1 voto)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

 

 

print

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.