U2 - Songs Of Experience | recensione
Interscope / Island - 2017

Recensione: U2 – Songs Of Experience

Dopo l’innocenza gli U2 cantano l’esperienza.

U2 - Songs Of Experience | recensione

Interscope / Island – 2017

Sarebbe stato molto facile stroncare questo disco del gruppo irlandese per eccellenza, sentendo solo le tracce consegnate ai social. E’ da molto tempo che gli U2 non centrano un disco, pur continuando al contrario a funzionare piuttosto bene come live act.  Inoltre il precedente disco, Songs Of Innocence,  era uscito in modalità  anticipata (antipatica?) come  bonus gratuito  su iTunes,  generando un rumore di fondo che ne ha diminuito l’impatto indipendentemente dalla qualità delle canzoni. Addirittura, in quell’occasione, Bono in persona fu costretto a scusarsi per l’azzardo nella gestione promozionale. Forse dopo aver letto la recensione di Tomtomrock che aveva assegnato all’album il voto più vertiginosamente basso nella storia del sito…

Paradosso: dimenticare gli U2 per apprezzare Songs Of Experience?

Adesso,  sfruttando l’onda lunga della ripubblicazione di The Joshua Tree, arriva il seguito, Songs Of Experience. Bisogna allora sforzarsi, pulire bene la cronologia del nostro hard disk di vecchi fan del gruppo, provare a dimenticare i passi falsi e tutto quello che ci ha allontanato dal gruppo che, partendo dalla periferia occidentale dell’Europa, fece sognare un po’ tutti.

 

Torniamo per un attimo indietro di trent’anni,  agli  adolescenti che dalla copertina di October si guardavano attorno, stupiti di se stessi; improvvisamente asfaltati dalla celebrità, adorati dalla critica (almeno finché  accompagnati dal duo magico Eno/Lanois) o affiancati a forza da personaggi forse più ingombranti di loro, come i Pavarotti o i  Johnny Cash di fine carriera…


 

Gli U2 odierni suonano umili. Solo a tratti, s’intende

Eppure questo disco è di un’onestà quasi commovente, pur essendo lungo e autocelebrativo in molti punti. Saltando gli episodi più imbarazzanti, che meriterebbero l’esilio sul pianeta Rattle And Hum, ci sono buone ballate, come 13 (There Is A Light) o l’introduttiva Love Is All We Have Left, che porta la novità di un blando trattamento sintetico alla voce. Anche il resto è fresco  di un mezzo bagno d’umiltà. Un bagno che, se durasse, potrebbe anche portare buoni frutti. Comunque la pensiate, qui è Natale, facciamo i bravi, che nessuno è perfetto e al posto di questo potrebbero pure regalarvi i Coldplay.

U2 - Songs Of Experience
7,2 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.