Valerie June - The Order Of Time | Recensione
Concord Music Group - 2017

Recensione: Valerie June – The Order Of Time

Valerie June – The Order Of Time.

Valerie June - The Order Of Time | Recensione

Concord Music Group – 2017

Pushin’ Against A Stone, il convincente disco che ci aveva fatto scoprire Valerie June,  risale addirittura al  2013. E se la foto di copertina non  inganna, in questi quattro anni la nostra Valerie/Medusa non ha minimamente pensato a studiare un nuovo look. Per contro, ha lavorato duro sulla scaletta ripescando vecchi brani e scrivendone di nuovi per l’importante seguito, The Order Of Time. In più, e forse è una buona notizia, sembra aver trovato una strategica  alleanza. Nel nuovo disco viene infatti aiutata, in tre pezzi, dalla molto  più affermata  Norah Jones, che l’ha anche voluta come opening act nel suo recente tour  americano.

Valerie June: With a little help from Norah Jones

La vicinanza con la Jones [di cui abbiamo stroncato il recente Day Breaks, ndr] non sembra, per fortuna, aver scalfito il sano repertorio della ragazza del Tennessee. Valerie June Hockett scrive tutti i brani da sola e con la sua voce di velluto riesce a dare nuova vita ad un genere a metà tra il soul ed il gospel senza ricorrere a troppi artifici ‘moderni’, come spesso è successo. Se dobbiamo paragonare questo disco a qualcosa di recente, possiamo dire che risulta più godibile, per esempio, dell’algido, altero ultimo lavoro di Rhiannon Giddens. Più cuore e genuinità, meno freddezza e calcolo.

The Order Of Time: soul, gospel e non solo

Nell’interessante varietà  dei 12 titoli emergono alcuni picchi, come la potente Man Done Wrong, dal ritmo circolare di chiara origine africana, o la dolce, eterea Astral Plane. Ma anche quando si scende un po’ nel prevedibile, come nella ballatona soul Slip Slide On By (con un bel piano elettrico d’epoca, comunque), la performance vocale è  sempre di grande efficacia e calore. Coglie invece un  po’ in contropiede la blanda, cantautoriale With You, un breve bozzetto d’impianto impressionista con un corposo score di archi, di cui, francamente, non si sentiva granché il bisogno, Per fortuna Valerie  riporta tutto a casa con il pezzo finale, pimpante e caldo fin dal titolo: Got Soul!


Valereie June - The Order Of Time
7,8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.