Yung Lean – Poison Ivy
YEAR0001 - 2018

Recensione: Yung Lean – Poison Ivy

Dopo Stranger, Yung Lean torna con Poison Ivy.

Yung Lean – Poison Ivy

YEAR0001 – 2018

L’emorapper Yung Lean torna con Poison Ivy a un anno di distanza dall’ottimo Stranger. Difficile dire se sia da prendere per un mixtape, uno di quei progetti intermedi così frequenti nel rap. Servono, in un mercato affollato, a non far spostare l’interesse. Comunque, con Poison Ivy Yung Lean e il produttore Whitearmor (vero nome: Ludwig Rosenberg) costruiscono un disco vero, sebbene breve, con brani originali e basi tutte nuove.

Yung Lean continua a interessare

Allora, il paragone con Stranger non si può evitare. La prima cosa che stupisce è come il rapper che in uno dei momenti migliori, Agony, scriveva “Can’t write a song, only do hooks”, abbia messo insieme otto (ma la finale Bender + Girlfriend è doppia) canzoni in cui proprio gli hooks mancano. Su Poison Ivy non troverete niente di immediatamente accattivante come Red Bottom Sky o Iceman. E nulla del livello della già menzionata Agony.

 

Detto questo, non bisogna neppure pensare che Poison Ivy sia privo di meriti. Le due canzoni iniziali, Happy Feet e Friday 13th, sono notevoli. E, se non altro, dopo l’interesse raccolto fa piacere vedere che non ci siano svolte mainstream.

Le canzoni migliori di Poison Ivy

La seconda, in particolare, illustra un testo ispirato ai film horror con un video pure inquietante, ma per altre ragioni. Come nelle basi di Whitearmor, è impossibile non respirare un’aria molto scandinava. E il fatto di staccarsi dalle solite produzioni americana è una ragione in più per apprezzare Yung Lean. Sauron, verso la fine, è un altro momento notevole.

 

Ambient + hip-hop

E per il resto Poison Ivy conquista lentamente com’era successo con il precedente. Per Stranger avevamo parlato di ambient-music che incontra l’hip-hop, il che funziona anche per Poison Ivy, solo lievemente meno d’impatto. È un percorso affascinante, quello di Yung Lean, nel quale vale la pena seguirlo.

Yung Lean – Poison Ivy
7.7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: