School-Of-Language-Old-Fears

SCHOOL OF LANGUAGE – OLD FEARS (Memphis Industries – 2014)

School-Of-Language-Old-Fears

di Antonio Vivaldi

Tanta testa: eccola una delle caratteristiche istituzionali del cosiddetto art-rock. Ne sono un perfetto esempio i Field Music dei fratelli Peter e David Brewis, da oltre un decennio cocchi di una critica che li stima e li ammira. Anche per il secondo album di David Brewis come School Of Language non si può esprimere che stima e ammirazione. E qui ci si ferma. Brewis si cimenta in un territorio che rielabora in linee essenziali e moderne un suono funk-r’n’b  tra  Talking Heads e Parliament. Però nei due modelli c’era un certo grado di follia o di esagerazione, una tendenza naturale al sopra le righe, mentre in Old Fears tutto è ben strutturato e razionale. Qualcuno dirà che Brewis è figlio di un tempo citazionista, ma anche St. Vincent lo è, eppure fa musica che, per quanto non dissimile, sovente riesce a graffiare e graffiarsi. C’è comunque un altro punto di vista. Se si esaminano le cose in modo razionale, Old Fears appare come un disco conciso, senza fronzoli e dai numerosi  sprazzi geniali. Fra questi spiccano la ritmica solo vocale che sostiene Suits Us Better e il Pharrell Williams in versione universitario secchione proposto dalla ballabile-con-intelligenza Dress Up. Il disco si chiude con un’atipica  ballata ambient insolitamente venata di malinconia. Forse c’era stato qualche problema con il pc.

6,9/10

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

httpv://www.youtube.com/watch?v=ryAk_XHdWng

School Of Language – Dress Up

You may also like...

Lascia un commento!