Sleater Kinney NoCitiesToLove

SLEATER-KINNEY – NO CITIES TO LOVE (Sub Pop – 2015)

Sleater Kinney NoCitiesToLove

di Mattia Meirana

Suona strano, ma il 2014 è stato l’anno in cui gli anni ’90 non sono mai suonati così tali. Un disco valido degli Weezer a due decenni dal loro capolavoro, una serie di revival indie-rock con reunion di gente che non faceva dischi dal 1999, un ritorno dell’emo delle origini in risposta all’esplosione di giovani band un po’ tutte uguali. Le Sleater-Kinney si sono sciolte nel 2006, ma cominciarono nel ’95, e va da sé che in momento storico del genere una loro reunion non suona nemmeno così sorprendente.
Rispetto a The Woods, il loro ultimo e grandioso disco, No Cities To Love suona come un passo indietro: meno psichedelia, meno sperimentazione, più pezzi corti, diretti, veloci. Il tutto, alla fine, suona come un ottimo disco delle Sleater-Kinney (inclusi testi mordaci sul mondo d’oggi) che finisce troppo presto e non riesce a farsi desiderare. Alcuni pezzi, come la title-track o Price Tag in apertura, sono fatti apposta per restare, altri un po’ meno, ma resta il fatto che di band come loro ce ne sono poche, e va bene che siano tornate.

7/10

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

httpv://www.youtube.com/watch?v=Cj2k3QsHmyM

Sleater-Kinney – No Cities To Love 

httpv://www.youtube.com/watch?v=tRNDB9VqI3Q

Sleater-Kinney – Bury Our Friends

You may also like...

Lascia un commento!