soak before cover

SOAK – BEFORE WE FORGOT HOW TO DREAM (Rough Trade – 2015)

 soak before cover

 

di Flavia Ferretti

 

Mi preparo all’ascolto del disco di SOAK (AKA Bridie Monds-Watson) leggermente esitante, ché le atmosfere troppo languide non fanno per me. Addomesticato il vissuto in un esercizio di sospensione del giudizio e simili affermazioni radical chic, parte la prima traccia strumentale, nulla di che; poi con il secondo brano arriva la voce di questa nord-irlandese appena diciottenne che canta sottile e intonata, un soffio sincero nella piccola voce, le parole scandite in sussurri alla fine delle parole e quasi rotte da una malinconia compiuta e spesso insospettabile negli adolescenti o post che dir si voglia. L’atmosfera fa pensare più alle latitudini islandesi che alla brughiera irlandese, le chitarre sono leggere, riverberate con garbo. Le canzoni hanno un ritmo pacato, a volte quasi eteree, come se arrivassero sospinte dal folto dei boschi. B a noBody è godibile, sostenuta da un ritornello semplice e pulito e da una piacevole partecipazione di strumenti incisivi – la batteria ad esempio. Bella anche la seguente Blud che racconta la sofferenza adulta per la separazione dei genitori, così come Sea Creatures – anche questa più strutturata di altre con efficaci inserti di piano sulle note basse e melodicamente accattivante. Shuvels è cantata con una voce che potrebbe essere quella di una dodicenne (pregio o difetto decidete voi); se avessi un gatto ci appisoleremmo uno sull’altro; peccato, perché invece Linda – il mio cane – è decisamente troppo pesante da tenere in grembo. Reckless Behaviour è un piacevole ritorno a un pop rarefatto con ritornello propiziante e segnala la possibilità di future composizioni più incisive. Oh Brother è lirica, anche intensa, ma non decolla mai, come gli altri brani qui non citati, che sono tutti simili gli uni agli altri, dimenticabili in fretta, noiosi e troppo languish. 

Però, però. La ragazza ha solo 18 anni, possiede sincero candore e questo ci piace.

Avrà tanto tempo per sorprenderci,chissà.

Da non ascoltare quando si ha sonno.

5,7/10

httpv://www.youtube.com/watch?v=VgaRm9j8SQI

Sea Creatures

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.