swans glowing man

SWANS – THE GLOWING MAN (Young God Records – 2016)

swans glowing manUltimo capitolo della storia Swans. Forse

di Marcello Valeri

A quanto pare siamo di fronte (mettendosi davanti agli amplificatori) all’ultimo capitolo della storia.
Michael Gira, uomo di grande statura fisica e poche parole, chiude, con The Glowing Man, la parabola Swans iniziata oramai secoli or sono con lente strutture post industrial, inframmezzata da produzioni colte (The Burning World addirittura Bill Laswell) e proseguita con impeto narcotico sino ad oggi.
In otto suite a tratti bucoliche, sovente quasi velate di psichedelia, talvolta cinematiche, si vorrebbe quindi dire l’ultima parola, la si affida persino ad affetti familiari (la figlia di Gira ce la canta in When Will I Return), ma è sempre e comunque la voce del leader a riportarci su territori che amammo e che ancor ci seducono.
Vidi gli Swans dal vivo ai tempi di Love Of Life, una performance monolitica e scostante nell’umore, come solo Gira e pochi altri si potevano permettere; una attitudine mantenuta ancor oggi, la si ascolti bene nella title track che soverchia ogni possibile effetto lisergico che le progressioni armoniche inducono.
Si mantiene quindi alta la soglia qualitativa, si negano compromessi di ogni sorta, si diffida il neofita a meno che non sia disposto a dedicare tempo all’ascolto, tempo intimo.
Se questo è davvero il canto del cigno non so, ultimamente dubito di tutto.

8/10

 httpv://www.youtube.com/watch?v=jFHQiYvuVlM

The Glowing Man 

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.