coral distance inbetween

THE CORAL – DISTANCE INBETWEEN (Ignition Records – 2016)

coral distance inbetween

di Marina Montesano

Nel lontano 2002, ben prima dell’arrivo degli Arctic Monkeys, il disco omonimo dei Coral aveva fatto sognare una rinascita del rock-beat inglese a tinte psichedeliche, denso com’era di belle melodie un po’ rétro. Negli anni le cose non sono andate sempre così bene per i Coral, che hanno ritrovato solo a tratti l’estro degli esordi, superati sul loro stesso terreno da band più giovani come i Temples che hanno spopolato con la psichedelia tenue e alcune canzoni memorabili di Sun Structures. Nel 2008 il chitarrista storico Bill Ryder-Jones se n’è andato mentre James Skelly (che comunque è sempre stato il compositore principale) ha continuato per la sua strada, salvo mettere la band a riposo negli ultimi anni. Comunque, il ritorno con Distance Inbetween trova i Coral ispirati come non si ascoltava da un po’ di tempo: forse la sosta ha portato consiglio. Chasing The Tail of A Dream è il momento migliore, ma anche la title track è una ballata che colpisce; al pari dell’iniziale Connector, di Miss Fortune e Beyond The Sun. In qualche punto, per esempio in Holy Revelator, il pop psichedelico che a Skelly & Co riesce ancora bene cede il passo a un rock più squadrato e anche piuttosto fine a se stesso. Ma nel complesso va bene così, i Coral sono tornati per rivendicare il proprio ruolo.

httpv://www.youtube.com/watch?v=OJnFFHsbAYI

Chasing The Tail of A Dream

7,4/10

print

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.