raveonettes peahi

THE RAVEONETTES – PE’AHI (Beat Dies Records – 2014)

raveonettes peahi

di Antonio Vivaldi

Durante dieci anni di carriera i danesi trapiantati negli Stati Uniti Raveonettes sono riusciti a essere semi-tutto: semi-famosi, semi-cult, semi-noir e, alla resa dei conti, semi-affascinanti.  Il nuovo album di Sune Rose Wagner e Sharin Foo segna un cambiamento nella forma ma non nella sostanza. E’ infatti  più ricco quanto a suoni rispetto ai lavori precedenti, però senza i vertici da barocco notturno di Lana del Rey, ed è più viscerale nei testi senza però essere davvero comunicativo. Lo si può paragonare a un’altra uscita recente, l’esordio degli Alvvays, nel suo fondere gli anni ’60 di Phil Spector e  Françoise Hardy con gli anni ’80 di  C-86 e My Bloody Valentine (qui c’è più noise e meno surf) , anche se rispetto ai giovani canadesi il coinvolgimento emotivo risulta minore. La si può definire musica per gallerie d’arte problematica o per feste hipster e questo rischia di non essere nemmeno un semi-complimento.

6,5/10

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

httpv://www.youtube.com/watch?v=ion7BpV1KAg

The Raveonettes – The Rains Of May

 

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.