dan-sartain-dudesblood

Dan Sartain – Dudesblood (One Little Indian – 2014)

dan-sartain-dudesblood

Dan Sartain – Dudesblood.

Il nome di Dan Sartain è meno noto di quanto meriterebbe; musicista dell’Alabama, ha ricevuto qualche attenzione nel periodo di maggior successo dei White Stripes, per i quali ha anche aperto diversi concerti, e non è casuale: perché anche il suo è rock’n’roll primordiale, tinto di garage, di rockabilly e di country, come dimostrava il suo esordio del 2005, Dan Sartain Vs. The Serpientes, fino a oggi il suo lavoro migliore. E diciamo fino a oggi perché la recente uscita di Dudesblood sorprende e diverte come non molti dischi sono in grado di fare; soprende perché la formula per lui consueta si arricchisce di una virata punk ’77 inattesa e riuscitissima: Smash The Tesco e Love Is Suicide sono due brani rabbiosi, mal prodotti e suonati primitivamente; insomma perfetti.

 

Poi Dan Sartain – Dudesblood diverte, con una miscela di country stralunato e di testi stravaganti (“Now I’m grey/And now I’m old/Stuck my penis in the gloryhole” su HPV Cowboy, il “cowboy del papilloma virus umano”, è solo un esempio). E infine non manca l’hit potenziale: una cover di Pass It On del duo svedese The Knife, che prende grazie a DJ Bonebreak degli X un tono pop-calypso nuovo, e che soprattutto ripropone con la voce profonda di Dan il testo originale in cui la bionda Karin cantava il suo amore per il fratello di un (possibile) fidanzato. Imperdibile.

8/10

print

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.