Mark-Lanegan-Imitations-608x608

MARK LANEGAN – IMITATIONS (Heavenly – 2013)

Mark-Lanegan-Imitations-608x608

Ritorno in forma per Mark Lanegan con Imitations.

Con il suo timbro vocale grave, oscuro e suadente, Mark Lanegan è il perfetto esempio di chi farebbe un figurone persino cantando  l’elenco del telefono (peraltro un tomo orma difficilissimo da reperire). L’ex Screaming Trees non aveva troppo convinto, specie come  compositore, nei lavori recenti  e sembra ora puntare proprio sulla voce incidendo  il suo secondo disco di sole cover dopo I’ll Take Care Of You. “Bello sforzo per uno come lui”, si potrebbe dire e invece lo sforzo c’è stato visto che: a) Imitations è un album  a tema;  b) Lanegan si è preso qualche rischio scegliendo alcuni brani dove più del timbro conta il fraseggio (ambito in cui i cantanti di estrazione rock tendono, letteralmente, a  balbettare). L’idea base è stata quella di ispirarsi alla collezione di vinili dei genitori  con il risultato  che, per buona parte,  il disco  funziona come “romanzo di formazione” in chiave sonora.

Classici rivisitati con affetto

Evidentemente i signori Lanegan amavano molto il vellutato cantante-intrattenitore tv Andy Williams, qui rivisto in tre brani e nella sua versione più malinconica. Notevole è soprattutto Autumn Leaves, a cui viene regalato molto più esistenzialismo rispetto alle versioni  di Williams e degli altri interpreti anglofoni, con un avvicinamento, forse inconsapevole, all’Yves Montand dell’originale francese Les Feullies Mortes.

Mark Lanegan canta Frank Sinatra

Si diceva prima del fraseggio e il discorso vale ovviamente per i due pezzi legati a Frank Sinatra: Pretty Colors , intonata con grandeur  decadente alla Scott Walker, e una sorniona Mack The Knife per chitarre acustiche. C’è poi una sezione  “moderna”  che affronta  maudit e mauditesse dei giorni nostri come John Cale, Nick Cave, Greg Dulli, il francese Gérard Manset e la new entry Chelsea Wolfe. Non è dato sapere il perché di questa progressione temporale; forse l’idea è quella di mostrare una sorta di pensosa continuità fra pop di ieri e  rock d’autore odierno, con la voce a fare da filo conduttore.  In ogni caso il progetto risulta ben pensato realizzato e, se proprio gli si vuol trovare una pecca, questa sta  nel non aver  maggiormente attinto al pathos profumato di crisantemi di Elégie Funèbre o al sentimentalismo da centro commerciale di I’m Not The Loving Kind.

7,5/10

print

Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.