Bright Eyes - Down In The Weeds, Where The World Once Was
Dead Oceans - 2020

Recensione: Bright Eyes – Down In The Weeds, Where The World Once Was

Il ritorno, dopo nove, anni di Conor Oberst e dei Bright Eyes.

Bright Eyes - Down In The Weeds, Where The World Once Was

Dead Oceans – 2020

“Bisogna andare avanti come se non fosse la fine”.

Sono le prime parole cantate da Conor Oberst nel disco che segna il ritorno dei suoi Bright Eyes dopo nove anni (*). Parole che dicono come andrà avanti tutto Down In The Weeds, Where The World Once Was. Traduzione del titolo: In mezzo alle erbacce, dove un tempo c’era il mondo.

Bright Eyes – Down In The Weeds, Where The World Once Was: le parole

Ora tutto questo non suona troppo positivo e nemmeno rincuorante considerato il periodo in cui viviamo. Tuttavia è giusto dare credito a Oberst quando dice: “Spero che la nostra musica faccia sentire le persone meno sole”. È giusto dargli credito innanzitutto perché in questo  “album legato a perdite di ogni tipo” (ancora parole sue) il quarantenne Oberst canta se avesse ancora i 20 anni del primo capolavoro Fevers And Mirrors: accorato, agitato, sempre sul punto di spezzarsi cuore e gola.

Bright Eyes – Down In The Weeds, Where The World Once Was: le canzoni

Poi è giusto dargli credito perché, come la voce, anche le canzoni commuovono per un’intensità che sa davvero essere partecipativa (quello che a Bon Iver non riesce più e alla democrazia non riesce mai), per un’epicità che sembra innata anziché cercata. Con il contributo di idee degli altri due Occhi Lucenti, Mike Mogis e Nate Walcott, tutta la prima parte del disco è un tripudio di melodie sempre vitali, a volte  travolgenti (su tutte Mariana Trench)  e di soluzioni strumentali corpose, mai enfatiche e con guizzi sorprendenti (la cornamusa di Persona Non Grata, la chitarrona elettrica di Calais To Dover).

Verso la fine si percepisce un calo di tensione, un tono più rassegnato (la pedal steel remota di Hot Car In The Sun) e anche le parole  viaggiano dalle parti della desolazione: “Le agonie non hanno fine/ Le simpatie sì”. Ma quando tutto sembra perduto ecco apparire una cometa, un neonato in un’incubatrice e una ‘morale’ che dice “ti avvicini anche quando scompari”.  Non è detto sia positiva, di sicuro fa pensare. Come tutto quello che scrive Conor Oberst.

 

(*) Nel frattempo Oberst ha inciso a proprio nome, come Desaparecidos o con i Monsters Of Folk.

Bright Eyes - Down In The Weeds, Where The World Once Was
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

 

 

 

print
Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.