Indigo Sparke - Echo
Sacred Bones - 2021

Recensione: Indigo Sparke – Echo

Indigo Sparke e una cupa Echo

Indigo Sparke - Echo

Sacred Bones – 2021

 

Indigo Sparke si presenta sul web con una foto in bianco e nero, su di un letto sfatto, in compagnia di una chitarra. L’immagine, molto anni ’70,  potrebbe essere uno scarto dal set di Tapestry di Carole King. Le similitudini però finiscono qui. La copertina di Echo, al contrario, ci mostra la cantautrice accecata dal sole, con alle spalle null’altro che un arido deserto, probabilmente australiano, visto che  la nostra è originaria di Sydney.

Breve storia di Indigo Sparke

Le note biografiche raccontano dei genitori musicisti e del suo nome, un  omaggio alla Mood Indigo di Duke  Ellington. Nonostante ciò il jazz è rimasto lontano dal suo orizzonte artistico visto che Indigo ha deciso di scendere nella platea affollata delle cantautrici. Un EP  come esordio (Nightbloom del 2016) poi una manciata di singoli, fino a questo primo album nato dalla sponsorizzazione  di  Adrienne Lenker, che lo produce. La collaborazione è  dovuta al fatto che la cantautrice ha aperto alcuni concerti australiani dei Big Thief. Oltre a produrre, la Lenker collabora  con voce e chitarra. C’è anche, ma appena percettibile, il contributo di   pochi altri musicisti.

Echo: un disco senza fronzoli

L’album si regge sulla voce apparentemente eterea della cantautrice, una voce che modula spesso verso gli estremi della gamma e si staglia  su di un semplice fingerpicking (così anche  l’eco del titolo contribuisce fattivamente all’ambiente sonoro). La chitarra spesso è registrata in modo “sporco” conferendo alle canzoni l’aspetto talvolta più genuino che hanno certi demo. Per trovare similitudini, tolta la Lenker, il cui recente Songs And Instrumentals riecheggia qua e là, si possono citare Angel Olsen o,  più in lontananza, la Tamara Lindeman (The Weather Station) di Loyalty. Per inquadrare l’album con le parole della stessa Sparke, “Echo è un’ode alla morte, al decadimento e al sentimento di appartenere a qualcosa di più grande”. Considerate l’avvertimento: qui non si balla!

Indigo Sparke - Echo
7,2 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.