John Prine The Tree Of Forgiveness Recensione
Oh Boy Records - 2018

Recensione: John Prine – The Tree Of Forgiveness

La storia di John Prine.

John Prine The Tree Of Forgiveness Recensione

Oh Boy Records – 2018

Dopo anni di silenzio, John Prine torna a regalare le sue storie. Storie semplici, di gente comune, di sentimenti quotidiani, di piccole scene che ciascuno di noi affronta e su cui tutti si soffermano, la sera, quando c’è bisogno di fare il punto, capire dove stiamo e dove vogliamo o vorremmo andare.

John Prine – The Tree Of Forgiveness recensione

John Prine ha attraversato oltre 40 anni di musica e non si può dire che ecceda nella pubblicazione di dischi. Questo è il ventitreesimo album e solo due volte è arrivato al vertice delle classifiche folk. Nel 2010 con In Person & On Stage. E ora con questo album che già nel titolo chiarisce lo spazio entro cui si muovono le canzoni.

John Prine folk-singer di talento

Prine è stato considerato, sin dalle sue prime apparizioni, un folk-singer di talento (Kris Kristofferson disse “Scrive cose così belle che bisognerebbe tagliargli le mani”) e a un certo punto venne addirittura salutato come “il nuovo Dylan”, etichetta che ha distrutto più di un giovane cantante. Pur non arrivando mai al grandissimo pubblico, ha comunque saputo ritagliarsi uno spazio personalissimo e il profondo rispetto da parte dei colleghi.

The Tree Of Forgiveness

Dimentichiamo effetti speciali e (credo) sovraincisioni. La voce di John Prine, sempre più bassa per i problemi di salute che ha affrontato, canta l’amore: “I’ve been holding on for you / Dreams I’ve had have all come true / ../ Day-by-day our love will grow / day-by-day our love will show”  (I Have Met My Love Today).  Canta la solitudine (Knockin’ On Your Screen Door). Canta il personale colloquio con Dio e In God Only Knows sembra confessare quanto abbia sempre inseguito la sincerità e l’onestà, nelle cose dette e in ogni suo atto.

When I Get To Heaven

E nel brano finale, l’album trova il suo spirito più vero. Quello dell’ironia, del disincanto e della pacificata accettazione di tutto quello che è stato.  Canta John Prine: “Quando andrò in paradiso metterò su una band di r’n’r /…/e mi farò un cocktail con vodka e birra/ e fumerò una sigaretta lunga nove miglia/…/ Aprirò un locale e si chiamerà The Tree Of Forgiveness (L’albero del perdono)/  e perdonerò tutti quelli che mi hanno ferito/ magari anche qualche critico/ uno di quei sifilitici parassiti/ e col mio charme li renderò più simpatici”.

Un album per gli amanti del genere, per chi ama le melodie già ascoltate, ma ogni volta sempre nuove.

John Prine - The Tree Of Forgiveness
9 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Giovanni Porta

Written by

Nato con i Beatles e cresciuto con il folk americano, ho trovato in Dylan la sintesi perfetta di ogni cosa. Suono da molti e molti anni, prima in un gruppo (La Via del Blues) e poi in un duo che spesso si moltiplica con la partecipazione di amici che vogliono condividere il piacere/ divertimento di scrivere pezzi propri (The Doorways). Tom Petty, Byrds, The Band, Eric Andersen, The Outlaws, Bruce Springsteen e tanti altri.... Per me Clapton è ancora Dio.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.