Keaton Henson - Monument
PIAS - 2020

Recensione: Keaton Henson – Monument

Keaton Henson – Monument: musica che è cordoglio e autoanalisi.

Keaton Henson - Monument

PIAS – 2020

Crisi di panico e difficoltà relazionali da sempre affliggono Keaton Henson, trentaduenne musicista, poeta e illustratore londinese. Verrebbe da pensare che vivendo una simile condizione l’attuale pandemia aggiunga dramma al dramma. Risulta dunque curioso leggere che per Henson il funesto 2020 è stato un “fine year” coronato da un concerto (il primo da molti anni) in live stream il 3 dicembre. E’ come se per una persona normalmente problematica l’anormalità da Covid-19 non risultasse poi troppo difficile da gestire. Più tristemente si potrebbe immaginare che nell’animo del nostro alberghi una consolidata abitudine al dolore.

Come nasce Monument

Dolorosa è ad esempio la genesi di Monument. Il lavoro viene ultimato durante le ultime fasi della malattia del padre del musicista (l’attore Nicky Henson) e le canzoni sono intercalate da frammenti audio tratti da filmini dell’archivio familiare. Si può dunque parlare di un album che, in contemporanea con la tragedia in atto, suona come un auto-esame, un bilancio personale – e anche artistico – nell’arco di 11 canzoni. Nella prima (Ambulance il titolo, tanto per far capire l’atmosfera) si ascoltano queste parole: “Sono per metà cantautore, per metà uomo/ Nessuno dei due pienamente/ Sto danzando fino a morirne/ Che tu sia la mia ambulanza”. Il brano in chiusura di programma dice: “Scrivo canzoni per tenermi sveglio/ Ogni ritornello mi strazia/…/ Tutte le mie canzoni mi danno la nausea/ Non cantare i versi/ Leggi fra le righe.”   Un quadro straziante dove l’unica consolazione arriva dal paesaggio nevoso descritto in Ontario: “Il cielo delle quattro del mattino/ Mi mantiene in vita”.

Siamo dunque in uno dei classici ambiti indie di questo primo ventenniodi secolo: la canzone d’autore molto dolente e molto isolazionista (da contemplazione del proprio ombelico, secondo i detrattori). Caposaldi del settore possono essere considerati, fra diversi altri esempi, Carrie and Lowell di Sufjan Stevens e A Crow Looked At Me di Mount Eerie. Quest’ultimo, con la sua morte quasi in diretta di una persona cara, è tematicamente molto simile a Monument.

Il modo di scrivere di Keaton Henson

Se ben poca allegria promana dall’album, le composizioni  si staccano quasi sempre dalla dimensione del lamento-cantato-con-la-prima-melodia-che-capita che a volte affatica questo ambito sonoro. Henson ha esperienze musicali che spaziano  nell’ambito dell’elettronica e delle partiture per orchestra, come dimostra il recente Six Lethargies. Possiede dunque competenze superiori rispetto a molti suoi colleghi e sa come costruire i pezzi. A volte si limita a voce o piano o poco più, a volte utilizza una strumentazione più ampia con basso e batteria, consapevole che, se i testi tengono le finestre chiuse alla serenità, una qualche luce deve arrivare almeno dalla musica. E pezzi come Self Portrait, Husk e While I Can (quasi trascinante!) hanno il loro modo di essere coinvolgenti, anzi avvolgenti. Diciamo come un cappotto quando fa freddo, per citare Guy Clark.

A dispetto della debordante mestizia, vale la pena trovare il momento ascoltare (e apprezzare) Monument e le sue nuvole scure. Potrebbe piacere ai fan dei Radiohead, ad esempio (considerando che alle sessions partecipa Phil Selway). Poi però si deve passare a un altro disco recente, una cosa tipo Zeros di Declan McKenna, che le nuvole le scaccia subito.

Keaton Henson - Monument
7,2 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.