Khruangbin ‎- Mordechai
Dead Oceans - 2020

Recensione: Khruangbin ‎- Mordechai

Khruangbin: un nome insolito per il trio di Houston al terzo album con Mordechai.

Khruangbin sono un trio, Laura Lee al basso, Mark Speer alla chitarra e Donald Ray “DJ” Johnson Jr. alla batteria, e vengono da Houston, Texas. Hanno un debole per le musiche del mondo, come testimoniano i primi due dischi e anche questo buffo nome che arriva da una parola thailandese che dovrebbe significare macchina volante o forse aeroplano.

Khruangbin ‎- Mordechai

Dead Oceans – 2020

Una post-disco minimale

In questo terzo album, Mordechai, dopo un EP con Leon Bridges del 2020, di cui avevano aperto un tour un paio d’anni fa, i Khruangbin orientano la loro musica verso una post-disco minimale venata di psichedelia. Definizione bizzarra, mi rendo conto, ma non saprei definire altrimenti i sapienti intrecci ritmici con coretti di First Class o l’incedere alla Crown Eights Affair (siamo a New York, negli anni ‘70) di Time (You and I).

Khruangbin ‎- Mordechai: un disco piacevole

Connaissais de Face è costruita su un dialogo per ricordare una sorridente barista di nome Stacy, purtroppo scomparsa; nella strumentale Father Bird, Mother Bird la vena psichedelica esce finalmente allo scoperto così come in One to Remember, il brano più riuscito e malinconico.

 

Anche il ritmo latino di Pelota non sposta di molto gli equilibri e il limite a questo disco è proprio quello di non osare qualcosa in più, se non solo a tratti. Il suono è sempre sommesso, quasi fosse già destinato a far da sottofondo a un tramonto sognante in compagnia di un buon cocktail e del partner giusto.  Si resta piacevolmente ad ascoltare e a guardare il sole che rosseggia scomparendo dietro l’orizzonte; ma alla fine ci si trova soli, a veder sfilare i titoli di coda.

Khruangbin - Mordechai
6,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Danilo Di Termini

Written by

Da ragazzo ho passato buona parte del mio tempo leggendo libri e ascoltando dischi. Da grande sono quasi riuscito a farne un mestiere, scrivendo in giro, raccontando a Radio3 e scegliendo musica a Radio2.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.