Lambchop - Showtunes

Suonano un po’ strani (come sempre) gli Showtunes dei Lambchop.

Lambchop - Showtunes
City Slang – 2021

 

Una band come i Lambchop merita una dovuta introduzione: guidati da Kurt Wagner sono in azione dal 1994, per un listino di una quindicina di album. Provenendo da Nashville, sono sempre stati  inseriti nell’ indefinito casellario dell’alt-country. Tuttavia la musica dei Lambchop rifugge da queste classificazioni da sempre e negli ultimi cinque anni della loro produzione questo solco si è ampliato a dismisura.

I dischi recenti dei Lambchop

Con la pubblicazione di Flotus (2016), progetto di coraggio e incoscienza, l’uso massiccio di elettroniche come l’autotune aveva rimescolato le carte in tavola. Compiuto il salto di specie, Kurt Wagner (ormai uomo solo al comando della flotta Lambchop) ha continuato sulla nuova strada, anche se il successivo This (Is What I Wanted To Tell You) riportava una più tranquillizzante immagine sonora, forse  grazie alla collaborazione con il produttore Matthew McCaughan (Bon Iver, Hiss Golden Messenger). Tra This… e il nuovo disco è uscito  TRIP, breve raccolta di cover non consuete che comprendeva anche Golden Lady di Stevie Wonder e Reservations dei Wilco.

Suoni e canzoni di Showtunes

 

In questa continua ricerca di originalità  si inserisce anche Showtunes, disco piuttosto rilassato e uniforme. Le canzoni sono state create con un procedimento di stratificazione, ovvero prima composte alla chitarra poi riversate con tecnologia Midi e da lì portate a compimento (se non è chiaro per chi legge, tranquilli, anche per me è algebra). Per finire, ma lasciando un po’ di sorpresa, alcune parole sui brani più intensi di Showtunes: The Last Benedict, che chiude benissimo  l’album, è un brano dove alla voce di Wagner viene messa in contrappunto quella di una cantante lirica, un po’ come succedeva in  Casta Diva di Franco Battiato (per ricordarlo ancora). In Fuku, invece,  ottoni e atmosfere drammatiche circondano un cantato dilatato e vagamente funereo. Altrettanto cupo è l’inizio del disco, che apre con un organetto waitsiano per un brano quasi parlato, denso, arricchito  anch’esso da fiati cameristici. Per chi non conosce gli ultimi  Lambchop, un buon punto di partenza, per gli altri, una conferma.

Lambchop - Showtunes
7,8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.