Porridge Radio – Every Bad
Secretly Canadian – 2020

Recensione: Porridge Radio – Every Bad

Un nuovo disco che fa rumore: Porridge Radio – Every Bad.

Porridge Radio – Every Bad

Secretly Canadian – 2020

Every Bad è il nuovo album di una band che farà parlare di sé.  * Porridge Radio, evitiamo qualunque articolo (a seguire si capirà il perché), nascono nel 2015 e dopo qualche anno di lavori autoprodotti, nel 2020 puntano in alto ed escono, sotto l’ala della Secretly Canadian, con un disco decisamente interessante. Frontwoman la giovane e talentuosa Dana Margolin da Brighton che, dopo aver messo insieme una band tutta al femminile, tranne che per il batterista, si appresta a conquistare pubblico e critica.

I temi e i testi

Nell’ambito LGBT inglese * Porridge Radio sono già un’icona. I testi si rivolgono a un pubblico gender fluid e a detta della stessa Dana: “è bello che nei miei testi ognuno veda quello che vuole”. E proprio il modo di scrivere di Dana ci pone di fronte a orizzonti inesplorati. Tematiche di fine adolescenza, dolori, sentimenti contrastanti e corpi a disagio vengono trattate in maniera poetica e tardo-romantica invitando a una sorta catarsi collettiva postmoderna. Il tutto a ritmo di un rock che, per quanto non rappresenti niente di nuovo, sprigiona entusiasmo, intensità, energia e altri requisiti che da tempo mancavano nell’ambito.

Every Bad: il rock secondo Porridge Radio

Undici canzoni che scaturiscono dall’insieme dirompente – e al tempo stesso classico – di chitarra, basso, batteria e voce. Una bomba di adrenalina che arriva, speriamo in tempo, a scuotere un genere musicale che pare avere il fiato corto. Every Bad parte con due brani laceranti che anziché angosciare sfoggiano, loro malgrado, una botta di vitalità. La voce domina e conduce il gioco, che è quello di farci muovere su vecchie armonie dark (il rimando a un giovane Robert Smith sorge spontaneo) o new wave, ma senza rimpianti.

 

Born Confused, Sweet e, a seguire, Long potrebbero rappresentare un nuovo punto di partenza. Se il ritmo è tirato la melodia non fa una piega. Non mancano i momenti più delicati tra i quali spicca senza dubbio Lilac, che arriva verso la fine dell’album e ne rappresenta uno dei passaggi più struggenti. Un tripudio di chitarre e archi stridenti ci esorta ad avere cura di noi stessi e di ciò che ci circonda, mentre il canto ci strazia meravigliosamente nel finale ripetendo compulsivamente: “I want us to get better, I want us to be kinder, to ourselves and to each other”. Dana Margolin e Co. centrano un obiettivo difficile con un disco incredibilmente maturo per una band tanto giovane.

Porridge Radio – Every Bad
8,2 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Mauro Carosio

Written by

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.