Ryley Walker - Course In Fable
Husky Pants - 2021

Recensione: Ryley Walker – Course In Fable

Ryley Walker e la svolta (più o meno) prog di Course In Fable.

Ryley Walker - Course In Fable

Husky Pants – 2021

Nonostante gli anni passati dal suo esordio (All Kinds Of You  del 2014), Ryley Walker sorprende e confonde ad ogni uscita. Sono passati pochi mesi dal disco in duo (o meglio  in duello) con il gruppo psych giapponese Kikagaku Moyo e già esce il nuovo lavoro solista, Course In Fable. Walker sostiene nelle interviste che questo doveva essere un doppio LP  dedicato al prog-rock, ma così non è stato, almeno in parte. Di certo l’ascolto ossessivo di gruppi come Genesis e Gentle Giant ha lasciato chiare tracce, ma nessuno, all’ascolto di Course In Fable potrà parlare di progressive. Da parte del trentunenne chitarrista di Chicago si può comunque notare un, ehm, progressivo allontanamento dal folk-rock del disco che lo ha portato alla ribalta, quel Primrose Green pieno di rimandi grafici e musicali a una stagione musicale  irripetibile.

Le sorprese di Course In Fable

Fatte queste premesse occorre dire che Course In Fable è una sequela di sorprese. L’apertura di Striking Down Your Big Premiere conferma la sbornia prog, con un brano che riecheggia di fraseggi alla Steve-Hackett-Selling-England e reminiscenze crimsoniane. Subito dopo, la  delicata ballata Rang Dizzy, con sottofondo di violoncelli,  potrebbe ricordare un Nick Drake redivivo, calato nel nostro tempo. Con A Lenticular Slap c’è un brusco cambiamento d’atmosfera: il decollo è un po’ faticoso fin quando non si torna a progressioni frippiane da zona rossa, cioè dalle parti di Red.

Gli amici di Ryley Walker in Course In Fable

Tolto che non sempre il cantato di Walker riesce a convincere del tutto, anche i successivi minuti di questo torrenziale disco riescono a fornire motivi d’interesse, a far sospendere ogni attività per districarsi tra le  innumerevoli “voci” che lo attraversano: un po’ di Crosby qui, il post-rock dei Tortoise là, ma sempre  senza ricalcare. Aiutano con forza e sostanza il solito Bill McKay a chitarra e piano, già con Walker in due dischi cointestati,  e una ferrea sezione ritmica composta da Andrew Scott Young al basso e Ryan Jewell alla batteria. Produce e conduce in porto il disco una garanzia come John McEntire, già con Gastr Del Sol, Tortoise e molti altri artisti come Wilco, Will Oldham e Teenage Fanclub.

Ryley Walker - Course In Fable
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.