Recensione: Thundercat - It Is What It Is
Brainfeeder - 2020

Recensione: Thundercat – It Is What It Is

Dopo Drunk, l’atteso ritorno di Thundercat con It Is What It Is.

Recensione: Thundercat - It Is What It Is

Brainfeeder – 2020

Ascoltando e scrivendo del precedente disco di Stephen Bruner in arte ThundercatDrunk di ormai tre anni fa – notavo come la forma canzone intesa in senso classico avesse lasciato il posto ad una più contemporanea configurazione musicale a ‘taccuino’. Mantenendo sostanzialmente gli stessi fattori di allora (la produzione di Flying Lotus, i musicisti coinvolti, anche l’Artwork di Zack Fox e il fotografo Eddie Alcazar sono gli stessi) il prodotto non poteva cambiare. E infatti non cambia: ogni titolo di It Is What It Is  (là erano ventitré per cinquanta minuti, qui quindici per trentotto, quasi immutata la durata media) assomiglia più a uno schizzo, a un’idea buttata lì, pronta da sviluppare in un remix o forse, più semplicemente, da fruire in un ascolto che necessariamente si è fatto più frammentato, schizofrenico, spesso mero sottofondo visivo.

I suoni e gli ospiti del disco

Se i primi due brani, Lost In Space / Great Scott e Innerstellar Love, provano a traghettarci nello spazio profondo (eviterei paragoni con lo Space Jazz di Sun Ra, siamo più dalle parti di un galaxy-funk alla Crown Eights Affair), il primo featuring del disco, con il batterista Louis Colem non poteva che essere un esercizio di drumming in parte fine a se stesso. Le qualità di Thundercat sono comunque indiscusse: lo dimostra Black Qualls, il brano in cui riascoltiamo la voce di Steve Arrington e qui la sfida a distanza è con il bassista Mark Adams, il cuore pulsante degli Slave dove esordì negli anni ‘70 il redivivo Steve.

 

Miguel’s Happy Dance ha una linea pronta per videogame (Bruner è un appassionato patologico di videogiochi) così come How Sway, brillante esercizio di tecnica stellare (questa sì degna di Jaco Pastorius o Stanley Clarke). Dragonball Durag è finalmente un brano concluso (ma non soffermatevi sul testo).

L’omaggio a Mac Miller

Mentre, dopo un paio di intermezzi, arriva la toccante Fair Chance insieme a Lil B e Ty Dolla $ign dedicata all’amico recentemente scomparso Mac Miller. Infine i cinquantadue secondi  di Existential Dread che sembra scritta per il momento che stiamo vivendo: Sometimes, existential dread / Comes ringin’ through loud and clear / I’ll adjust and simply let go / I guess it is what it is (Is) / I’m not sure of what’s coming next / But I’ll be alright as long as I keep breathin’ / I know I’ll be alright / I know I’ll be alright.

Thundercat sigilla It Is What It Is con il brano omonimo

E in chiusura il brano più lungo del disco, It Is What It Is, oltre 5 minuti divisi implicitamente in due parti: i primi due insieme a Pedro Martins, enfant prodige brasiliano della chitarra (già ascoltato con il sassofonista Chris Potter), i restanti tre, strumentali. Sembrerebbe il prologo ad una composizione articolata, forse addirittura una suite, ma invece la musica inspiegabilmente comincia a sfumare (quasi un minuto!), senza giungere a un compimento. Un po’ come l’intero album in effetti.

Thundercat - It Is What It Is
6,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Danilo Di Termini

Written by

Da ragazzo ho passato buona parte del mio tempo leggendo libri e ascoltando dischi. Da grande sono quasi riuscito a farne un mestiere, scrivendo in giro, raccontando a Radio3 e scegliendo musica a Radio2.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.