Valerie June – The Moon and the Stars: Prescriptions for Dreamers

Recensione: Valerie June – The Moon and the Stars: Prescriptions for Dreamers

Terzo disco per Valerie June: The Moon and the Stars: Prescriptions for Dreamers.

Da Valerie June rimasi stregata dopo l’uscita di Pushin Against A Stone  del 2013,  prodotto da Dan Auerbach, un bellissimo mix di gospel e soul, roots folk  e country definito da lei stessa “organic moonshine roots music”.

Valerie June – The Moon and the Stars: Prescriptions for Dreamers

Fantasy records – 2021

Una voce particolare, Dolly Parton e Diana Ross, una figlia di quel Tennessee che geograficamente  e musicalmente va dalle Smoky Mountains fino a Memphis. Evidentemente non fui la sola se dopo quell’album Valerie June Hockett da Jackson TN, conquistò fans come Bob Dylan e Michelle Obama e suonò con gli Stones allo Hyde Park festival. Quattro anni dopo il precedente ed etereo The Order of Time del 2017, con i suoi richiami al Van Morrison di Astral Weeks, Valerie torna con il nuovo The Moon and the Stars: Prescriptions for Dreamers, uscito per Fantasy Records con la produzione di Jack Splash.

You Must Say I’m A Dreamer

La ragazza con la chitarra, capelli da medusa e voce da sirena, ormai di base a Brooklyn, ci offre la sua ricetta per realizzare i propri sogni, non importa se piccoli o grandi. Ed ecco che tutto l’album ha questa ambizione, quella di portarci in una dimensione onirica (un po’ troppo new age a volte) partendo dalle consuete radici southern, soul e blues e aggiungedovi afrobeat e hip hop, con una produzione sontuosa e a tratti in qualche misura ridondante.

Valerie June – The Moon and the Stars: Prescriptions for Dreamers: i momenti migliori

In questo percorso, country e cosmopolita al tempo stesso proprio come lei, al soul si intrecciano momenti di meditazione, che, fra una traccia e l’altra, si rivelano come dei piccoli interludi che lasciano sedimentare l’ascolto precedente e preparano il successivo. Al ritmo ipnotico di You and I e alla poesia di Stardust Scattering, all’unico accordo di Within You,  costruito come un mantra su chitarra acustica cui si aggiungono loop di drum machine e improvvisazioni di chitarra elettrica. Per passare a Two Roads dove la voce dai ruvidi toni soul si fonde elegantemente con il lamento di una steel guitar, e alle ballate  acustiche Fallin’ e Colors con la voce fragile e solida al tempo stesso.

Only A Fool Tests The Depth Of The Water With Both Feet

Così Carla Thomas, citando un proverbio africano, ci accompagna fino a Call Me A Fool una ballata soul struggente, con la voce della regina della Stax a ricordarci insieme a June che l’amore, quello vero, ti rivolta come un calzino (…Got my life twisted, turned it upside down) ieri come oggi.

 

A chiudere Starlight Ethereal Silence con il canto degli usignoli, dei flauti e le campane tibetane a suggellare l’invito a sognare sempre e comunque, e a trovare una connessione che conduca se non alla realizzazione dei propri sogni, almeno a capirsi un po’ di più. Un album composito, tradizionale e innovativo al tempo stesso, scritto in solitudine nel 2019 ma che anticipava  quello di cui avremmo avuto bisogno nei mesi successivi: sognare cullati da buona musica e da una  voce meravigliosa.

Valerie June – The Moon and the Stars: Prescriptions for Dreamers
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Elena Righini

Written by

Fieramente classe '68, nata a Firenze lo stesso giorno di Syd Barrett, Celentano e Paolo Conte, non ne eredito le doti musicali. Cerco di colmare il gap ascoltando musica secondo l'istinto e l'estro del momento. Gruppi del cuore: Clash e Cash.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.