Willie Nelson – The Border

Willie Nelson is back in town: The Border.

Willie Nelson ha un’energia senza pari e poco dopo il suo 91esimo compleanno pubblica il suo 75esimo album in studio: The Border. Il vecchio Willie con la sua family e la sua trigger non ce la fa a stare in poltrona e ha già programmato fino a settembre inoltrato l’ennesimo Outlaw Music Festival in compagnia di Bob Dylan, Robert Plant e altre vecchie e nuove glorie.

Dieci pezzi che scorrono veloci, quattro dei quali nuovi e scritti insieme al produttore Buddy Cannon. Gli altri sono cover di anime affini che potrebbero esser scritte da lui e su cui Willie “shines a light“. Come quella che dà titolo al disco è soprattutto  la meravigliosa Many A Long And Lonesome Highway, pezzo struggente di Rodney Crowell.

Il confine

The Border con cui si apre il disco definisce anche i confini non solo geografici. Border laggiù non è una linea  sulla carta. È per alcuni un muro fisico da tirare su il più in alto possibile il più in fretta possibile. We need the wall non è solo lo slogan di Trump. È quello che pensano in parecchi da quelle parti e  sarebbe troppo semplice liquidare con sufficienza quello che è  un problema reale che nessun candidato sta affrontando veramente. Ma qui nelle parole di una guardia di confine c’è solo malinconia e nostalgia e forse rassegnazione sottolineata dalla chitarra e dalla fisarmonica  norteña che testimoniano come quel confine, almeno in musica, non esista.

Ma Willie si definisce un VI very indipendent e in quanto tale può permettersi un Western swing come Made In Texas  tutto luoghi comuni sul lone star state e i suoi abitanti, ma che è difficile ascoltare senza ballare.

Le cover

Dolcissima e melodica  la ballata Nobody Knows Me Like Yo,u  pezzo di Mike Reid ex giocatore professionista nella NFL  e poi passato nel ‘74 a una carriera di songwriter, che Willie dedica ad Annie, moglie amante infermiera e bodyguard come la definisce con le note acustiche della sua trigger. Così come al suo ultimo amore è dedicata I Wrote This Song For You e Kiss Me When You Are Through, consapevole che non è facile stare accanto a un uomo come lui… Uno che come racconta in Hank’s Guitar… sogna di essere la chitarra di Hank (Williams naturalmente) per esser protagonista di tante ballate insieme tristi e tanto solitarie da urlarne.

Scrivere canzoni come destino

I pezzi nuovi sono insieme un guardare indietro ma andando avanti. Un raccontare chi si è stati e chi si è ancora è quanto costa esser liberi (How Much Does It Cost), liberi da quel malessere che si cerca di tener lontani scrivendo. “Sono un songwriter e lo sarò sempre” ci dice Willie Nelson  alla fine di The Border. E questa semplice constatazione è la risposta al perché si continua a scrivere e a cantare e a suonare a 91 anni. I’m a songwriter and always will be.

Willie Nelson – The Border
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Fieramente classe '68, nata a Firenze lo stesso giorno di Syd Barrett, Celentano e Paolo Conte, non ne eredito le doti musicali. Cerco di colmare il gap ascoltando musica secondo l'istinto e l'estro del momento. Gruppi del cuore: Clash e Cash.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.