Dave Three Rivers

Dave – Three Rivers.

Il secondo disco di Dave, We’re All In This Together, non è forse riuscito come il primo, ma è sempre eccellente sotto il profilo dei testi. In Three Rivers, uno fra i momenti migliori, Dave prende spunto dallo scandalo Windrush, così detto dal nome dalla nave arrivata in Inghilterra dalla Giamaica nel 1948 con a bordo centinaia di migranti incoraggiati dal governo britannico in cerca di lavoratori a buon prezzo. Molti di loro non hanno mai preso la cittadinanza britannica, non obbligatoria e costosa nel paese, ma hanno trascorso tutta la vita in Gran Bretagna, lavorato, pagato le tasse, e oggi vengono trattati come immigrati illegali. Dalla loro esperienza Dave passa a parlare di quella dei migranti dell’est europeo (la parte meno riuscita nell’insieme del testo) e poi di coloro che giungono, mal visti, dal Medio Oriente, profughi delle guerre che lo stesso governo britannico e altri paesi occidentali hanno fomentato.

Dave Three Rivers
@ Alberto Valgimigli

Immagina un’isola dove la festa non finisce mai
Dove si tratta meno di soldi e più di amici
Dove le vibrazioni non si fermano mai
Si tratta meno di soldi e più di divertimento
Sole tropicale, questa vita negli anni ’60 arriva dai Caraibi
Conosci Ian, Delroy, Vivian, Winston
che sono stati arruolati in Inghilterra
I bambini del Windrush da Kingston a Brixton
Dire che sono l’anima della festa, è sbagliato
I miei giamaicani sono l’intera festa, non vedi?
Il grande carnevale di Notting Hill, non lo vedi?
E la corsa è in fibra di vetro, G, vuoi vedere?*
Immagina un posto dove cresci i tuoi figli
L’unico posto dove vivi dice che non sei inglese
Stanno deportando la nostra gente e mi fa schifo
Perché sono stati distrutti dal paese che sono venuti a riparare

Sono venuti su invito del governo britannico
I loro passaporti erano dotati di un permesso di soggiorno a tempo indeterminato
Ma per alcuni che erano bambini allora, quella era una falsa promessa
Trentasette anni di tasse pagate e ho ricevuto una lettera che diceva che ero un immigrato illegale
Sono venuto qui in Inghilterra all’età di dieci anni e ho vissuto qui tutta la mia vita

Guarda, immagina un mondo che è imperfetto e pieno di sofferenza.
Dove i dittatori e i leader perseguitano la tua gente
I corpi degli innocenti sono ammucchiati fino ai tetti delle case
La parte ironica è che predano i deboli
Questa è la vita negli anni ’90, sei dell’Europa orientale
E vedi la gente morire perché stanno lottando per la loro libertà

Ti fanno vedere la violenza perché hai una voce
Ti trasferisci con i tuoi figli nella speranza di avere una scelta
La vita ti mette i bastoni tra le ruote e non riesci a sopportare il dolore
Così giochi d’azzardo e bevi e poi giochi ancora

Litighi con tua moglie e poi dormi sul divano
Picchi i tuoi figli e cominci a tenerli a distanza.
Cerchi di risolvere le cose, ma non è mai la stessa cosa
Tutte le donne della tua famiglia vivono nella paura
Quando ti guardi allo specchio ti viene ricordato di nuovo
Che sei diventato il dittatore contro cui stavi combattendo
Stiamo combattendo per i nostri diritti, per la nostra patria
E poi noi – noi – noi stiamo combattendo per le case
Stiamo combattendo per la nostra, la nostra fa-

Guarda, immagina un mondo fottuto e falso
Dove i molti pagano un prezzo per i pochi
E ogni giorno il sole sorge un po’ più tardi
Ecco com’è quando il tuo oppressore è il tuo liberatore
Questo è il momento in cui si vive in Medio Oriente
Prega per la pace
La morte da un cielo pieno di stelle
Scappi con i tuoi figli per dare loro una possibilità
Ma il tuo rifugio ti ha portato in un’altra guerra
Perché gli inglesi vogliono sapere perché vivi qui
Contiamo sull’immigrazione più che mai
Sono lavoratori chiave, ma non possono nemmeno entrare dalla porta
Quando sei alle porte del cielo, cosa dici al Signore?
Non lasceresti nemmeno entrare un bambino in qualche lido più stabile
Questa è una vita che non possono permettersi
Sicuramente vorresti dare alla tua gente delle possibilità migliori delle tue?
No?
Dieci anni di conflitto, e dodicimila bambini sono stati uccisi o feriti
I bambini qui sono solo una piccola frazione dei sei milioni stimati che hanno bisogno di assistenza medica di emergenza
Si pensa che forse tre milioni non vivono più nelle loro case
E fino a due milioni di bambini che non frequentano più la scuola.
Le opportunità di questa generazione sono state cambiate per sempre da questo conflitto

*Riferimento alla canzone di Giggs & Dubz, Pain Is The Essence

 

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.