Sault Nine

Un progetto a scadenza: Sault – Nine

Fra 2019 e 2020 i misteriosi Sault sono arrivati dall’Inghilterra a sorpresa sulla scena proponendo un sapiente mix di black music: nu-soul, trip-hop, acid jazz, r’n’b, disco, lounge e tanto altro ancora. Presto si è scoperto che sono una produzione di Inflo, circondato da amici fra i quali spiccano Michael Kiwanuka e Little Simz. Ora che il mistero è un po’ meno tale, ecco che il nuovo capitolo Sault – Nine trova un nuovo modo di far parlare di sé.

Sault Nine
Forever Living Originals – 2021

È un disco ‘a tempo’, potremo ascoltarlo ancora per qualche decina di giorni (99 da quando è uscito) in versione digitale, però si può acquistare, senonché il vinile è una edizione limitata … insomma una operazione come altre che abbiamo visto in questi anni di mercati discografici asfittici e di tentativi più o meno buoni per riportarli in vita. Sulla bontà di questo, al di là dei contenuti, ognuno si può fare la sua opinione.

Un disco londinese

Ma veniamo, appunto, ai contenuti. Nine ripropone la stessa formula dei dischi precedenti dei Sault, ma come ognuno di essi con leggeri cambiamenti e una personalità individuale. Si apre con la corale Haha, fra gospel e Africa, mentre successivamente il suono che prevale è quello della Londra multiculturale (è forse questa la cifra stilistica individuale della quale parlavamo) con i breakbeats di London Gangs o il feeling tropicale di Trap Life, il tocco jazz di Bitter Streets, lo spoken word con Michael Ofo su Mike’s Story. Little Simz torna su You From London: una passeggiata fra le strade della città per descrivere il London state of mind: I know killers in the street, but I ain’t really involved / We don’t wanna cause any grief / But we get triggered when hearin’ the sound of police (Conosco assassini per la strada, ma non sono davvero coinvolta / Non vogliamo causare alcun dolore / Ma veniamo messi in allerta quando sentiamo il suono della polizia).

 

Spesso la musica accompagna l’atmosfera dei testi. Così You from London è più influenzata dall’hip-hop, Alcohol sceglie il soul per descrive i danni della dipendenza. La title track resa come 9 ha le qualità per ripetere il successo di Wildfires, forse il singolo brano dei Sault ad aver avuto maggiore circolazione. Qui come altrove Cleo Sol presta la sua voce suadente che dà il meglio nella conclusiva ballata pianistica Light’s in Your Hands.

I Sault fanno centro di nuovo

Alla fine però i dischi dei Sault funzionano soprattutto come insieme, e Nine non fa eccezione. Siamo ormai alla loro quinta uscita nel giro di meno di tre anni e c’è chi è completamente conquistato. Non faccio fatica a capirne la ragione perché il progetto di Inflo offre un distillato di una tradizione musicale acquisita, e lo fa con classe. Per i miei gusti suona appunto come un progetto, senza che ci sia una spinta ad aprire nuove strade, a trascinare, a emozionare. È tutto molto ben fatto il che già di per sé qualifica i Sault una spanna sopra la concorrenza.

Sault – Nine
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.