Recensione: Don Antonio – La Bella Stagione

Il compositore e chitarrista Don Antonio cambia prospettiva e atmosfere con La Bella Stagione.

Dopo una vita passata a comporre musica strumentale con i Sacri Cuori e a mettere la sua chitarra al servizio di personaggi come Alejandro Escovedo, Dan Stuart e Hugo Race – per non citare che le collaborazioni più durature – Don Antonio, al secolo Antonio Gramentieri, si cimenta con il songwriting e con il canto.

Recensione: Don Antonio – La Bella Stagione
Santeria – 2021

Per la verità lo aveva in parte già fatto con il disco precedente, l’omonimo Don Antonio, ma in maniera completamente diversa: il disco era infatti marcatamente caratterizzato dal suo amore per la cumbia e la musica centroamericana in generale e non a caso i testi dei pezzi cantati erano in spagnolo. Con La Bella Stagione, Don Antonio ci spiazza cambiando completamente prospettiva e atmosfere.

Un disco e un libro

Innanzitutto i testi sono in italiano e sembrano attingere a piene mani alle esperienze dirette dell’autore. Intendiamoci: non siamo certo di fronte a un’introspezione ripiegata su se stessa quanto piuttosto a un bagaglio di vissuto anche “sociale” nel quale ognuno può ritrovare tratti comuni. Non a caso il disco è uscito insieme ad un omonimo libro di racconti nel quale queste caratteristiche sono ancora più evidenti.

La Bella Stagione
Gagarin – 2021

Già il titolo sembra alludere ad un tempo passato che venga riconosciuto e valutato come “migliore” di quello che stiamo vivendo. Attenzione però: non stiamo parlando di un laudator temporis acti capace solo di cominciare i suoi discorsi con un “ai miei tempi” o qualcosa di simile. Antonio sa bene che quei tempi non erano poi così uniformemente “dorati”; e sa altrettanto bene che buona parte di quella nostalgia è dovuta al fatto che quelli erano i tempi della giovinezza perduta. Brani come Acceso, Batticuore, La Bella Stagione e Distanza esemplificano a mio parere abbastanza bene questo genere di pensieri.

Don Antonio – La Bella Stagione: i collaboratori e la musica

Musicalmente il disco è piuttosto vario, pur all’interno di una cifra stilistica sostanzialmente unitaria. Molto sfumate le ascendenze “morriconiane” che hanno caratterizzato la prima parte della sua vicenda artistica, specialmente nel periodo Sacri Cuori; ben presente invece il blues ( si ascolti, ad esempio, il “talking” di Fuoco). Ma Antonio mostra di aver ricevuto, e ben assimilato, anche le “lezioni” di alcuni dei songwriter con cui ha lungamente condiviso il palco, Escovedo e Stuart su tutti. E anche di qualcuno con cui non ha, a quanto mi risulta, mai collaborato, ma che a quanto pare ama molto come Tom Petty. In qualche brano, come ad esempio Ancora Di Me, pare di sentire anche echi di quello che è certo il più “americano” dei cantautori italiani: Francesco De Gregori.

 

A un primissimo ascolto sembra che la voce non sia il punto di forza del disco. Ma, come dico spesso, a cantare con una “bella voce” son buoni tutti; l’importante è saper usare bene quella che si ha e su questo – il paragone non sembri troppo irriverente – Dylan docet. E Antonio sa usare bene la sua, con un registro spesso da crooner sussurrante e privandola di quella deliziosa inflessione romagnola che caratterizza il suo parlato “privato”. Doveroso poi citare chi lo accompagna in questa riuscita impresa: la precisissima sezione ritmica di Roberto Villa (basso) e Dani Marzi (batteria), le tastiere mai invadenti di Nicola Peruch, le chitarre di Arianna Pasini (deliziosa anche come backing vocalist). Su Don Antonio come chitarrista – e qui in veste di polistrumentista – non serve aggiungere altro.

Don Antonio – La Bella Stagione
7,8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Di Renzo Nelli

“Giovane” ultrasessantenne, ha ascoltato e ascolta un po' di tutto: dalla polifonia medievale all'heavy metal passando per molto jazz, col risultato di non intendersi di nulla! Ultimamente si dedica soprattutto alla scoperta di talenti relativamente misconosciuti.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.