Kurt Vile - Bottle It In | Recensione Tomtomrock
Matador - 2018

Recensione: Kurt Vile – Bottle It In

Kurt Vile, il cantautore poco imbottigliabile.

Kurt Vile - Bottle It In | Recensione Tomtomrock

Matador – 2018

Settimo album per Kurt Vile, musicista della Pennsylvania con un passato, ormai piuttosto lontano,  nei The  War On Drugs.  L’ultima volta che abbiamo parlato di lui avevamo per le mani il disco con  Courtney Barnett, Lotta Sea Lice, un progetto che funzionava assai bene, grazie ad una collaborazione efficace e competitiva.

Bottle It In si presenta, apparentemente, con la stessa leggerezza di quell’album, aprendosi con i facili tre minuti di Loading Zones, srotolati sul solito accompagnamento metronomico da rock-ballad. Segue l’altrettanto semplice e piacevole  Hysteria, con la sua insolita drum machine. Il disco però è lunghissimo (80 minuti come i rapper…) e lo stile di Vile, soprattutto per il cantato, non sempre sa catturare l’attenzione. Quando ci riesce, come in Bassackwards, il risultato è raggiunto per via ipnotica, visto che nei dieci minuti della traccia l’orecchio è distratto da suoni circolari ed eterei, ben incollati ad una ritmica ossessiva e determinata.

I brani lunghi di Bottle It In

Altre due canzoni viaggiano su tempi dilatati. La title-track va lentamente alla deriva su di un accompagnamento vagamente ferroviario con  tocchi di piano minimalista, ma alla fine inquieta ed attrae. La terza prova contro  il tempo è Skinny Mini, dominata da un incalzante arpeggio di chitarra, con  la voce che declama un oscuro racconto, spazzato via da  potenti riff elettrici. Lo si può considerare il migliore di questi  tre brani lunghi che rappresentano il tratto più distintivo di Bottle It In.

Kurt Vile fatica a gestire la forma-canzone

Le altre tracce, infatti, stanno un po’ strette nella forma canzone, un metodo compositivo che Vile fatica a gestire al meglio. Quando riesce a domare la sua verve anarchica, come nella cinematografica Cold Was The Wind, i risultati sono validi ma, in effetti, meno originali. Kurt Vile si conferma quindi personaggio difficile da inquadrare (e da imbottigliare, per citare il titolo del disco) costantemente in bilico tra una forte creatività e un’ispirazione incerta.

Kurt Vile - Bottle It In
7,1 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.