black midi – Cavalcade

Il ritorno dei black midi non delude: Cavalcade.

black midi – Cavalcade
Rough Trade – 2021

Tornano a poco meno di due anni dall’esordio Schlagenheim i black midi con Cavalcade: titolo appropriato per un disco che lascia (quasi) senza fiato. Nel frattempo, alcune cose sono cambiate: dal quartetto originario se n’è andato il chitarrista Matt Kwasniewski-Kelvin, e ai restanti tre si aggiungono nella registrazione molti strumentisti che lasciano il segno, in particolare con i fiati e gli archi. Non si sa se l’assenza in studio di Kwasniewski-Kelvin, dato come ‘on hiatus’, sia dunque temporanea o meno; insieme agli altri viene comunque accreditato per la scrittura di due delle canzoni del nuovo disco.

Cambiamenti e conferme

Rispetto al passato, qualcosa cambia anche nel suono. I black midi di Cavalcade abbracciano con maggiore decisione lo stile free-jazz-prog-rock che pure era una componente di Schlagenheim. A volte questo va a scapito dell’immediatezza, che certo non è il pezzo forte della band; immediatezza che però avevamo apprezzato in un brano come Near DT, MI. La voce si fa ancora meno presente, lasciando spazio ai momenti solo strumentali. Eppure i testi sono una componente non secondaria delle composizioni dei black midi: sia quando virano verso l’accompagnamento delle sensazioni evocate dalla musica (come in Chondromalacia Patella: un titolo che sembra uscito dall’archivio dei Mars Volta), sia in quelle più narrative come le iniziali John L e Marlene Dietrich.

 

La voce di Geordie Greep varia fra lo spoken word (oggi tornato molto di moda: vedi Dry Cleaning, fra le uscite di tendenza in questo 2021) della prima e una versione generica di Scott Walker nella sorprendente ballata dedicata alla star tedesca.

La proposta originale dei black midi di Cavalcade

Se i due minuti e mezzo di Marlene Dietrich mostrano che la band dispone di registri differenti, il resto del disco, a parte qualche momento disseminato fra le composizioni, corre a perdifiato, grazie alla maestria degli strumentisti. Basso pulsante, batteria energizzante, chitarre che alternano stili differenti, e poi tocchi di fiati no-wave e di qualche arco e synth a ingentilire il tutto. Come nel disco precedente, a volte i black midi, fra tanto dispiego di tecnica e idee, si dimenticano le canzoni, per cui alcuni momenti girano a vuoto. Però Cavalcade è una conferma del talento dei black midi, e della loro scelta di occupare uno spazio non molto frequentato nella musica dei nostri giorni.

black midi – Cavalcade
7.3 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Di Marina Montesano

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.