Afghan Whigs – In Spades recensione
Sub Pop – 2017

Recensione: Afghan Whigs – In Spades

Afghan Whigs – In Spades.

Afghan Whigs – In Spades recensione

Sub Pop – 2017

In Spades è l’ottavo disco degli Afghan Whigs, o volendo il secondo della loro seconda vita. La band di Greg Dulli si era infatti separata nel 2001 e ritrovata qualche anno più tardi. Tuttavia il ritorno discografica data al 2014, con il potente Do To The Beast.

Do To The Beast vs In Spades

In Spades segue nel solco del precedente, ripescando però dal passato un piglio funky e meno rock di Do To The Beast. E, per continuare con i paragoni, magari a In Spades manca un brano di primo impatto qual era stato Algiers. Però compensa ampiamente con una bella coerenza e con una scrittura intricata, nella quale si scoprono una alla volta le canzoni preferite.

La scrittura di Greg Dulli brilla su In Spades

Una delle quali la si trova già nei primi minuti. Birdland è un’introduzione lenta, Poi Arabian Heights, perfetta a partire dal riverbero iniziale, alla ritmica incalzante, al crescendo continuo. Un brano che rinvia ai tempi d’oro della band, quella di Getleman e Congregation. Con tutto che una recente intervista rilasciata da Greg Dulli a proposito dei dischi degli Afghan Whigs da lui preferiti dice qualcosa di diverso.

Il disco prosegue bene con molti grandi momenti. Da Demon In Profile, dove qualche arrangiamento orchestrale non sminuisce la forza del brano. Oriole e The Spell erano state scelte per presentare il disco e si capisce il perché; restano infatti due gran belle canzoni, e ancora una volta portano il marchio di fabbrica. Va infatti rimarcato per Greg Dulli e i suoi Afghan Whigs che davvero esiste ormai un suono loro specifico, che non rientra in alcun genere.

Una nuova prova riuscita per gli Afghan Whigs

Ovviamente questo marchio di fabbrica è dato in primis dalla voce di Greg Dulli. Che non è la più bella al mondo, ancor meno oggi quando i falsetti sono più sottili di un tempo, ma nessuno si immaginerebbe Milez Is Ded senza quella voce strozzata. Che alla fine non sarà bellissima, ma quanto è espressiva!

Insomma questo In Spades conferma tutte le virtù di una grande band che forse non ha avuto nel tempo il riconoscimento commerciale che le spettava, ma che suoi fan esercita la magia, un po’ dark e un po’ sexy, di cui Greg Dulli canta in Oriole “Light the candle / Lock the door, too / Draw the circle / I’ll fall into you /  Divination / Cleromancy / Comes the card  / that I refused to see”.

Afghan Whigs – In Spades
8,2 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!