Blanck Mass – Animated Violence Mild
Sacred Bones – 2019

Recensione: Blanck Mass – Animated Violence Mild

Il percorso di Blanck Mass fino ad Animated Violence Mild.

Blanck Mass – Animated Violence Mild

Sacred Bones – 2019

Animated Violence Mild è titolo del nuovo capitolo personale di Benjamin John Power, aka Blanck Mass, l’uomo che nel 2019 è riuscito a rendere meno soporifero perfino l’ultima fatica degli Editors. Blanck Mass nel corso della sua carriera da solista ha inventato un genere definibile come  electro-black-metal, già apprezzato nei precedenti lavori. Nel 2012 Soundowner è stato utilizzato per la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Londra, mentre di tre anni dopo è la collaborazione alla colonna sonora del film The Strange Colors Of Your Body’s Tears.

Animated Violence Mild: la morsa sanguinante ci distruggerà

Già dalla copertina le intenzioni sono chiare. Il morso insanguinato a una mela (metafora del pianeta?) non lascia dubbi sulla visione catastrofista, che viene esplicitata per esteso durante il disco il cui tema ricorrente è l’autodistruzione dell’umanità strozzata dalle dinamiche imposte dal consumismo. Il disco suona come un pugno nello stomaco dell’ascoltatore a cui non viene lasciato un attimo di tregua. Rispetto al passato Blanck Mass spinge ulteriormente sull’acceleratore sfoderando un lavoro energico e feroce dove chitarre strapazzate e synth aggressivi la fanno da padrone per tutte le otto tracce. Il metal si arricchisce di sonorità magniloquenti e l’elettronica strizza l’occhio al post punk e al break beat.

Le nuove canzoni di Blanck Mass

Si parte con un intro per entrare subito nel vivo di una roboante suite in cui i brani si susseguono senza sosta o cambi di registro sostanziali. I titoli, emblematici e oscuri, preparano adeguatamente all’ascolto. Death Drop e House vs. House sono un ottimo biglietto da visita iniziale.

 

I ritmi ossessivi e ansiogeni catapultano immediatamente in quello che è oggi il Blanck Mass-pensiero e la musica da sola basta per veicolare il messaggio apocalittico. Altri momenti degni di nota sono Love Is A Parasite e la conclusiva Wings Of Hate. Qui il metal geneticamente modificato può indurre a pensare a una nuova giovinezza per un genere che al momento non propone molto. Forse nel complesso l’impressione è che il tutto sia ancora a uno stato embrionale, ma l’insieme lascia ben sperare per la prossima puntata.

Blanck Mass – Animated Violence Mild
7,3 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Mauro Carosio

Written by

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.