Coldplay – Everyday Life
Parlophone - 2019

Recensione: Coldplay – Everyday Life

I Coldplay tornano a distanza di cinque anni dall’ultimo disco.

Avevamo lasciato i Coldplay nel 2015 con il poco convincente A Head Full Of Dreams e li ritroviamo a fine 2019 con Everyday Life.

Coldplay – Everyday Life

Parlophone – 2019

Atteso, a quanto pare, nonostante le scarse prove recenti. Ma è vero che ormai, nella desolazione del pop-rock (e anche del rock tout-court) tradizionale, per molti un po’ di chitarre e di melodie, per quanto blande, paiono essere un buon riempitivo. Peraltro, Chris Martin è davvero un everyone’s darling, carino e di buoni sentimenti, ha collaborato con tutti da Brian Eno a Rihanna (che mi piacciono entrambi) e dunque vediamo cosa fa (con Guy Berryman,  Will Champion, Jonny Buckland) in questo nuovo disco.

Everyday Life: un disco doppio per i Coldplay

Everyday Life si presenta con delle ambizioni. È un doppio anche se con 53 minuti un solo cd basterebbe. Potrebbe essere una mossa astuta per aumentare le classifiche di vendita (e non sarebbero i primi), oppure per non pensar male l’esigenza di dividere il disco in due parti, sebbene non è che ciascuna delle due abbia un carattere troppo differente dall’altra.

Coldplay – Everyday Life: vogliamo chiamarlo eclettismo?

A dire il vero, i Coldplay con Everyday Life giocano la carta dell’eclettismo: dal piano iniziale di Sunrise si passa all’elettronica di Church e Trouble in Town (che all’inizio sembra un pezzo di Sting). Niente di troppo marcante, ma almeno incuriosisce. Poi però arrivano BrokEn e Daddy, ballatona strappalacrime in cui un ragazzo parla col padre assente. Si nota poi Arabesque, uno dei due singoli, con Stromae (buona la sua performance vocale) e il sax, differente dal solito. Ci sono anche molti interludi abbastanza inutili, c’è una specie di Chris-Martin-suona-Bob-Dylan in Guns ed è il Dylan anni ’60, con chitarra acustica, ma purtroppo non la medesima qualità.

 

L’altro singolo Orphans è irritante per la magniloquenza, mentre verso il fondo si trova qualche pezzo pop decente, inclusa la title track e Champion of the World, probabilmente in momento migliore del disco. Insomma l’impressione è che con Everyday Life i Coldplay, non sapendo bene che strada prendere, le abbiano prese tutte. Quel che però dà più fastidio nel disco è la volontà di apparire mondialisti e buoni. Ci sono i coretti banali, c’è il gospel by numbers (come se non bastasse l’ultimo Kanye West) di BrokEn, gli anni ’50 di Cry Cry Cry, l’Africa formato cartolina di Èkó (“In Africa / We dance in the water and hold / Each other so tight”).

Una band che continua a piacere

C’è chi dice che sono la migliore band inglese, e sarebbe una tragedia peggio della Brexit, ma per fortuna non è così. Alcune belle canzoni a inizio carriera le hanno scritte e forse basterebbe tornare a quelle, senza cercare di accontentare tutti, ma ormai pare che la vena sia esaurita. Comunque, doppio o singolo, è probabile che Everyday Life venderà un buon numero di copie, nonostante l’assenza di un tour di supporto, che la band a quanto pare non vuole per ragioni ecologiche. Con buona pace del pianeta, e anche mia.

Coldplay – Everyday Life
4,5 Voto Redattore
1 Voto Utenti (1 voto)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.