Paul Simon - In The Blue Light Recensione
Legacy - 2018

Recensione: Paul Simon – In The Blue Light

L’addio ai concerti di Paul Simon.

Paul Simon - In The Blue Light Recensione

Legacy – 2018

L’uscita di questo album di Paul Simon accompagna il suo tour finale, quello con cui esce dalle scene dei concerti dal vivo. Settantasei anni, una carriera che non ha bisogno di essere raccontata, una serie di dischi centellinati nel tempo e una voce – che Iddio la benedica! – che non sembra poi molto diversa da quella del primo disco.

In The Blue Light una raccolta di canzoni edite

Ma non siamo di fronte a titoli inediti, dato che Simon ha pensato di pescare fra le centinaia di canzoni da lui scritte, scegliendo quelle che – a suo dire – erano passate quasi inosservate, poco valutate dalla critica o dal pubblico. E infatti nessuna è di quelle che nomineresti se ti chiedessero di sparare dieci titoli di Paul Simon, né fra quelle che ti viene da suonare o da cantare se ripensi al  suo passato. Pescano in un arco cronologico ampio. La più vecchia (One Man’s Ceiling Is Another Man’s Floor) è del 1973, la più nuova (Questions for the Angels) del 2011.

Paul Simon offre una rilettura pedissequa di se stesso

I temi che le canzoni sfiorano sono quelli a cui Simon ha sempre guardato: l’amore, la solitudine, l’intolleranza. E lo fa senza mai allontanarsi dalle versioni ufficiali dei brani, tanto che a volte ci si chiede perché li abbia riproposti.

 

Per dare vita a questo lavoro ha chiamato grandi nomi della musica. Bill Frisell alla chitarra, Wynton Marsalis alla tromba, Jack DeJohnette e Steve Gadd alla batteria, ma ci si chiede se ne valesse la pena. Il disco scivola leggero e si ascolta con piacere ma con un senso di amarognolo. Perché – forse sbagliando – di fronte a questi musicisti ci si pone sempre con un livello altissimo di attesa. Dato che Paul Simon non ha chiuso la sua carriera di compositore, speriamo che la prossima raccolta di inediti sappia regalare maggiori e più profonde emozioni.

Paul Simon - In The Blue Light
6 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Giovanni Porta

Written by

Nato con i Beatles e cresciuto con il folk americano, ho trovato in Dylan la sintesi perfetta di ogni cosa. Suono da molti e molti anni, prima in un gruppo (La Via del Blues) e poi in un duo che spesso si moltiplica con la partecipazione di amici che vogliono condividere il piacere/ divertimento di scrivere pezzi propri (The Doorways). Tom Petty, Byrds, The Band, Eric Andersen, The Outlaws, Bruce Springsteen e tanti altri.... Per me Clapton è ancora Dio.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: