alvvays

ALVVAYS – ALVVAYS (Transgressive [PIAS] – 2014)

alvvays 

di Antonio Vivaldi

Adorabili e irritanti fin dalla ragione sociale. Chiamarsi Alvvays anziché Always  è certo un modo intelligente di irridere alle convenzioni visive della parola scritta, ma dà soprattutto l’idea di una furbata per farsi trovare più facilmente sui motori di ricerca. Quanto alla musica, il quintetto di Toronto sceglie un ambito di questi tempi piuttosto ovvio: un pop trasognato,  intelligente e furbo che amalgama il sole del surf californiano anni ’60 con  i cieli grigi di certo indie-pop inglese anni ’80. Il tutto è  frullato da un costante  riverbero e da un paio di riferimenti a cose più note come Blondie e Yeah Yeah Yeahs.  Più o meno li si può paragonare ai Veronica Falls con più zucchero, meno adrenalina e uguale tendenza all’unidimensionalità concettuale (una bella malinconia electro alla XX arriva solo nella conclusiva Red Planet). Per ritornare allo spunto di partenza, se un tale  tripudio di ovvietà trendy-alternative può risultare per principio  irritante, a rendere quasi sempre adorabile l’album è l’innocenza melodica delle canzoni, forse sincera, forse studiata a tavolino e geniale nella sua ambiguità irrisolta.

7,3/10

 

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

 httpv://www.youtube.com/watch?v=rZHPCcFmEjc

Alvvays – Adult Diversion  

httpv://www.youtube.com/watch?v=BIJhYeLCkYE

Alvvays – Archie, Marry Me (live)

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un web magazine di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, electro, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.