Austra - Future Politics - Recensione
Domino 2017

Recensione: Austra – Future Politics

Austra – Future Politics.

Austra - Future Politics - Recensione

Domino – 2017

Future Politics è il terzo lavoro in studio per gli Austra, una delle band provenienti dal Canada più interessanti degli ultimi anni. Con il loro synth-pop nel 2011 arrivarono in finale al Polaris Music Prize, (principale premio discografico del loro paese) assegnato poi agli Arcade Fire. L’album che sfiorò la vittoria era Feel It Break e gli Austra parevano destinati a seguire il cammino dei pochi, ma grandi, nomi della musica canadese.

Future Politics e la “distopia concettuale”

Quattro anni dopo il ritorno alla musica presenta luci e ombre. Sul piano testuale Future Politics propone riflessioni esistenziali poco ottimistiche sul futuro. Il termine “distopia” è quello usato dalla front woman Katie Stelmanis. La nostra, dopo un periodo sabbatico in Messico, si è avvicinata a teorie post-capitalistiche onestamente alquanto nebulose. Il tentativo di esprimerle nel nuovo album non sempre funziona, nonostante l’ambiziosità del progetto. Dal punto di vista musicale, invece, Future Politics è più nitido. Con meno algidità rispetto al passato gli Austra odierni riescono a creare un hype più immediato.

Una svolta meno glaciale per Austra con Future Politics

Future Politics è quindi un disco decisamente gradevole sotto il profilo melodico. La cifra stilistica degli Austra delle origini qui si amplia e il risultato è decisamente buono. Oltre all’elettronica e al synth-pop, in Future Politics spunta una spruzzata  decisa di dance che addomestica anche l’ascoltatore più disimpegnato. Undici nuovi brani dei quali più di uno potrebbe valere l’intero disco. La title track è un esempio dell’evoluzione degli Austra, ottima per un mercato più vasto. Sulla stessa linea Utopia e I Love You More Than You Love Yourself, che riescono a tenere insieme le due anime, solari e notturne, della band.

E allora qual è il problema?

Una questione sembra però non avere risposta e inficia il risultato finale. Diciamolo senza mezze misure: il vibrato caprino di Katie Stelmanis è il vero problema degli Austra! Il dilemma è capire se sia una scelta artistica o meno. Sta di fatto che, nonostante i molti elementi positivi, sentire Future Politics dall’inizio alla fine disturba l’apparato acustico anche dell’ascoltatore più provato dai decibel di migliaia di concerti. Qualcuno ci avrà pensato?

 

 

Recensione - Austra - Future Politics
6.0 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Mauro Carosio

Written by

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.