Fontaines D.C. – Dongrel
PTKF – 2019

Recensione: Fontaines D.C. – Dogrel

Dogrel, la poesia punk dei Fontaines D.C.

Fontaines D.C. – Dongrel

PTKF – 2019

“Dublin in the rain is mine / A pregnant city with a catholic mind”. È questa la frase che apre Dogrel (e la canzone Big), il primo LP dei Fontaines D.C., ed è subito chiaro di cosa si tratta. Quintetto irlandese che gravita intorno a Dublino, e che alla propria terra dedica buona parte dell’esordio. A partire dal titolo, Dogrel, che rinvia a un tipo di poesia popolare. ‘Pub poetry’, come la definiscono loro stessi. La musica è essenzialmente punk della prima ora, ossia melodico e a tinte garage, con suoni secchi e voce fra il cantato e il parlato.

 

Le influenze dei Fontaines D.C.

I cinque Fontaines D.C. si sono conosciuti a scuola, hanno militato in band differenti e poi si sono ritrovati. Una manciata di singoli sono apparsi per aprire la strada a Dogrel, che adesso li raccoglie tutti per un totale di 11 canzoni e una quarantina di minuti. Quelle che dal punk slittano verso il post sono le più lunghe: sempre frenetiche, rinviano comunque a un’epoca precisa. Molti hanno citato i Fall (che i Fontaines D.C. dicono di aver conosciuto soltanto dopo aver inciso), ma in realtà un brano come Television Screens, condotta dal basso e dalla batteria, ricorda piuttosto i Joy Division della primissima ora.

Le canzoni di Dogrel

Rispetto ai mancuniani, però, i Fontaines D.C. sono più malinconici e meno cupi. Comunque il meglio lo danno quando restano primigeni. I tre minuti scarsi nella migliore tradizione garage-punk di Liberty Belle sono irresistibili: è il tipo di canzone da pogo sicuro.

 

Perfetta anche la ballata Roy’s Tune, sapientemente posta a metà del disco, decisamente uno dei momenti più riusciti di Dogrel. Diverse delle canzoni sono già accompagnate da video: segno che sulla possibilità di sfondare dei Fontaines D.C. ci si punta, e a ragione, abbastanza. Era successo lo scorso anno con gli Shame, rispetto ai quali i dublinesi offrono però canzoni più immediate e, per chi scrive, decisamente più gradevoli. Chiude Dublin City Sky, fra i tanti omaggi del disco a Dublino quello più diretto, con chiari riferimenti ai Pogues.

 

Fontaines D.C. – Dogrel: un disco targato 1979

Ma il fatto che il disco rock basso-chitarra-batteria che più mi ha colpita finora nel 2019 potrebbe essere uscito esattamente quarant’anni fa è un segno negativo per lo stato del genere? O forse per i miei gusti? O magari significa solo che un certo tipo di musica diretta (il garage), se suonata con piglio fresco e belle canzoni, mantiene intatto il suo fascino? Che siano domande inutili? Meglio lasciar perdere e riascoltare Liberty Belle.

Fontaines D.C. – Dogrel
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.