Martinelli Sottoponziopilato recensione
Parola Cantata Dischi - 2016

Recensione: Martinelli – Sottoponziopilato

Mauro Ermanno Giovanardi, per me, resterà sempre e solo Joe e lui sa perché. Accade ora che il nostro decida di farsi scopritore di, oddio, talenti (la parola è ormai legata a eventi tv…) e faccia esordire, con l’etichetta Parola Cantata Dischi (un manifesto programmatico), il grande Martinelli.

Martinelli Sottoponziopilato recensione

Parola Cantata Dischi – 2016

Spertico su Martinelli perché non fa assolutamente niente per essere piacevole all’ascolto, non disturba con assurde fioriture tonali, non fa il bel canto, non parla d’amore e cuore ma, semmai, quando occorre, urla senza strepitare le sue parole che sono così contemporanee e, al tempo stesso, antiche e futuribili.

Martinelli: un esordio che lascia il segno. Profondo

Il rosso cantautore (ecco, l’ho detto) ha messo insieme un freak show sonoro di personaggi che ci circondano, qualcuno lo vediamo anche allo specchio, e gli ha dato vita vestendoli di umori che passano dal classico, al country barricadero, al tex mex, sino all’elettronica giocosa e sgangherata. Un esordio spaventoso, nel senso che gli inglesi danno a “terrific”: Martinelli non può non evocare una lista di nomi che prendono la pancia: Piero Ciampi, Mauro Pelosi (cercarselo se obliato),  il Dalla sino a Roversi ma non oltre, il Rino Gaetano non quello di Gianna ma quello prima, Capossela quando non si parlava addosso, Enzo Jannacci negli anni’ 70 e persino il Paolo Conte prima di diventare icona, a suo dire, snob.

Martinelli è sboccato  e consapevole, crudele  e artaudiano, orgiastico in modalità intestinale, sofferente ma senza richiesta di altrui pietas. Basta quella che traspare dalla voce, non so quanto volontariamente pasoliniana.

Martinelli – Sottoponziopilato è un disco di poco tatto e grande gusto

Undici canzoni, nessuna esclusa, musicalmente originalissime, impossibile pensarlo a San Remo (scusa Joe…), il che è, per qualcuno, tutto dire. Dove fosse nascosto non è dato di sapere, certo che l’artista ha perfettamente compreso che “trattasi di canzonette”, ma di quelle che non ne puoi più fare a meno. Gli si perdoni la mancanza di tatto, gli si riconoscono l’unicità di gusto.

E poi, citando Kurt Vonnegut in Sudato E Felice, mi ha, definitivamente, fottuto.

Martinelli - Sottoponziopilato | Recensione Album
9 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marcello Valeri

Written by

Collaboratore per testate storiche (Rockerilla, Rumore, Blow Up) è detestato dai musicisti che recensisce e dai critici che non sono d'accordo con lui e che , invece, i musicisti adorano.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.