vinicio capossela circo massimo 23 giugno 2021

Il Bestiario d’amore di Vinicio Capossela, 23 giugno 2021.

vinicio capossela circo massimo 23 giugno 2021

 

«Benvenuti al Circo Massimo!». Elmo da gladiatore, mentre l’orchestra sinfonica Maderna diretta da Stefano Nanni, anzi l’Orcaestra così come la chiama Vinicio Capossela, suona le note di Al Colosseo. Ma è solo l’inizio. Stasera il tema è l’amore, nella rivisitazione del Bestiario d’amore di Richard de Fournival. E Vinicio di storie d’amore mai regolari ne ha cantate tante, da sempre. Il Palatino che sovrasta di lato, una brezza rinfrescante e l’idea che si possa tornare ad ascoltare musica dal vivo. La scenografia perfetta.

Vinicio Capossela Circo Massimo

 

Vinicio racconta. E canta. Di Richard, di bestie fantastiche, di creature mostruose e di animali consueti. In mezzo compaiono Melville, Celine, Modigliani, Fellini, Wilde, Keats. E c’è Ulisse. E c’è Dante. Tutti legati in quel caleidoscopio di ricordi, di immagini e di musica che oggi solo lui, forse, riesce a declinare senza remore e senza timori.

Un Vinicio Capossela “commemorativo”

«Siamo commemorativi, stasera», e allora siede al piano a coda e preme i tasti delle note d’apertura di Modì, che proprio quest’anno compie trent’anni. Poco prima aveva celebrato i dieci anni di Marinai Profeti e Balene, con Il Grande Leviatano e Nostos. Se pure l’Orcaestra, che, come l’orca dei mari tutto inghiotte, è mastodontica nei suoni, talvolta, tuttavia, si rimpiangono i fedelissimi, in particolare Alessandro ‘Asso’ Stefana e Vincenzo Vasi. Ma è poco o nulla nella totalità dello spettacolo. Vinicio è in forma, si diverte, sorride spesso.

A metà spettacolo l’intermezzo de La Cavalleria Rusticana fa quasi da apertura a una ideale seconda parte, che però resta fortemente ancorata alla prima. Dove Siamo Rimasti A Terra Nutless è l’omaggio dovuto a Leone e a Morricone, il ricordo della giovinezza svanita, ma che alla fine sempre ritorna. Il pubblico si scalda con Marajà e danza Con una Rosa. Il bolero di Camminante e la gioia de L’Uomo Vivo preparano la chiusura di Ovunque Proteggi. E se l’emozione di eseguirla sul Pincio in un’alba di molti anni fa, difficilmente potrà ripetersi, anche stasera al Circo Massimo – «e non sono nemmeno Venditti…», sussurra Vinicio – si rinnova la magia della sua preghiera laica.

Bentornato Vin, bentornata Musica!

La scaletta del concerto al Circo Massimo

Bestiisopertūra / Bestiario d’Amore
Il grande Leviatano
Nostos
Modì
Zampanò
Di città in città (… e porta l’orso)
Bardamù / Polka di Wasava
Pryntyl
La belle dame sans merci
Le sirene
Intermezzo de “La Cavalleria Rusticana”
Dove siamo rimasti a terra Nutless
Marajà
Con una rosa
Camminante
L’uomo vivo
Ovunque proteggi
Polka di Warsava

print

Di Tore Sansone

Sono nato quando uscivano Darkness on the Edge of Town, Outlandos D'Amour, Some girls e Blue Valentine. Quasi a voler mostrarmi la strada. Ora leggo, scrivo, suono e colleziono vinili.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.