Arca – KiCk i
XL Recordings – 2020

Recensione: Arca – KiCk i

Arca conferma tutte le sue qualità con il nuovo KiCk i.

Arca – KiCk i

XL Recordings – 2020

KiCk i è il quarto disco di Alejandra Ghersi, in arte Arca, ma in realtà il secondo “importante” dopo l’omonimo del 2017. Negli ultimi dieci anni l’artista di origini venezuelane si è fatta conoscere come produttrice eclettica: la si ricorda soprattutto per Utopia di Björk, ma è indimenticabile il contributo su molte tracce di Yeezus di Kanye West, uno fra i dischi più interessanti di questi ultimi anni. “Importante” perché è soltanto in questi ultimi anni che Arca sembra seriamente intenzionata ad emergere con una personalità sua propria, cantando (nei primi due non lo faceva) per di più nel natìo spagnolo, più adatto ad esprimersi appieno.

Rivoluzione reggaeton

Questo nuovo disco prosegue il discorso iniziato in precedenza, con una vena pop in più, sebbene di un pop peculiare. KiCk I vede Arca alle prese, almeno in alcuni brani, con una decostruzione del genere comunemente associato alle classifiche latinoamericane, e oltre: il reggaeton. Nelle mani di Alejandra brani come Mequetrefe, Riquiquí, La Chíqui applicano un trattamento shock a base di ritmi spezzati, loops e voci trattate, con una miscela di sperimentazione e tradizione ben riuscita. Anche i temi echeggiano quelli standardizzati di un genere musicale fra i più machisti, nonostante megastar come Bad Bunny stiano cambiando le cose; ovviamente il fatto che sia Arca a  cantarli cambia non poco la prospettiva.

 

Nella collaborazione con Rosalía , Arca butta alle ortiche ogni complesso antipop e produce un vero hit con la star di lingua spagnola più rappresentativa dei nostri tempi.

Björk e Arca duettano su KiCk i

C’è anche la collaborazione con Björk su Afterwards con testo del poeta Antonio Machado, che ci guida verso un altro filone del disco, ossia la ballata lenta dove Arca canta con bella voce androgina. Time, Calor e soprattutto Machote sono tracce eccellenti. Se c’è una critica che si può muovere ad Arca riguarda proprio questa versatilità che nella produzione va bene, in un unico disco porta a chiedere quale sia la sua identità musicale, e se riuscirà mai a operare una sintesi completa. Nel complesso però poco importa: KiCk i è stimolante, affascinante, a suo modo persino piacevole,  e (come il video qui sopra) inquietante.

Recensione: Arca – KiCk i
8,2 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.