Recensione: Car Seat Headrest - Making A Door Less Open
Matador - 2020

Recensione: Car Seat Headrest – Making A Door Less Open

Car Seat Headrest: il ritorno del giovane Will Toledo con Making A Door Less Open.

Ho un debole per Will Toledo, lo confesso; mi intriga questa sua aria da nerd, una sorta di Elvis Costello nato in Virginia all’epoca in cui il signor MacManus faceva uscire Mighty Like A Rose. A Costello poi l’accomuna anche il riuscire ad essere nella sua musica, estremo, quasi fastidioso, ma con un senso della melodia perfetta che ti prende e non ti molla più.

Recensione: Car Seat Headrest - Making A Door Less Open

Matador – 2020

Non so se ha anche l’arguzia, la lingua biforcuta e la capacità di rendersi insopportabile dell’artista inglese, e forse per certi versi non c’è nemmeno da augurarglielo. Detto questo, i paralleli con Costello finiscono qui, in quanto la musica di Toledo ha poco da spartire con l’artigianato pop dell’artista inglese, avendo un’indole spiccatamente indie, dove un rock energico e nervoso, si fonde a tratti mirabilmente, con squarci di lirismo e con geniali aperture melodiche.

Making A Door Less Open: una torta a strati

È  giovane Will Toledo, 27 anni, e si sente; si sente nell’urgenza che ha di comunicare le proprie emozioni, nel cantare strascicato e svogliato, nell’armamentario sonoro che caratterizza i suoi Car Seat Headrest (il nome, ispirato al luogo dove nascono le sue prime canzoni, rintanato nel sedile dietro della macchina dei genitori è semplicemente incantevole). Questo disco è, di fatto la terza prova del gruppo (se tralasciamo quella produzione confusa e di difficile lettura, tra uscite autoprodotte, cassette e cose similari), dopo Twin Fantasy del 2001 e, soprattutto, Teens of Denial del 2016, a mio giudizio uno dei dischi migliori della scena indie degli ultimi dieci anni.

Car Seat Headrest – Making A Door Less Open

Com’è Making A Door Less Open? Risposta complicatissima con la musica di Will Toledo, perché l’universo sonoro dell’artista è formato da vari strati, uno immediato ed accessibile da subito, fatto di ritornelli, coretti, piccoli mugugni che ti si stampano in testa e ti seguono giorno e notte; poi sotto iniziano tutta una serie di piccole raffinatezze, giri sottotraccia, innesti elettronici, una sorta di dedalo sonoro che cresce di ascolto in ascolto.

Questa sensazione è ancora più accentuata in questa ultima fatica del gruppo, che è scaturita dalla fusione di due registrazioni parallele, una con il classico organico di chitarra basso e batteria e l’altra con strumentazione esclusivamente elettronica frutto del lavoro del progetto parallelo di Toledo (i Trait Danger). Diciamo che a differenza del precedente, manca forse il pezzo che ti lascia subito a bocca aperta (come era la strepitosa Fill the Blank), ma il disco rimane sempre di qualità altissima, con meraviglie melodiche che rimandano ai Pavement più svogliati o ai Pixies più corrosivi.

Chitarre, elettronica e melodia: la formula magica dei Car Seat Headrest

Si va da una Wheightfilters, che apre la danza con il suo incedere nervoso, tra sibilii e ritmi irresistibili, al singolo Can’t Cool Me Down, pezzo suadente con basso e batteria pulsanti, passando per i ganci armonici che non ti mollano più di Deadlines (Hostile) e Martin, probabilmente il punto più altro del disco, una ballata con giro mortale che tiene incollati alle casse dello stereo. C’è anche il protorap di Hollywood, che richiama in modo esplicito i Beastie Boys, la tirata Hymn, che sembra uscita dal Bowie di Earthling, la incessante Deadlines (Toughful), che mischia, al solito mirabilmente, elettronica e melodia.

 

È un disco adorabile e imperfetto, c’è qualche episodio meno riuscito sul finale, ma è una prova che conferma comunque Toledo come uno dei più talentuosi autori della nuova leva indie rock e che ribadisce l’originalità di una formula sonora che fonde con sapienza rabbia, malessere e dolcezze improvvise. Sono bravi i Car Seat Hedrest, molto bravi e meritano di essere seguiti con attenzione; aspetto con ansia la prossima prova, che spero non si farà attendere altri quattro anni e che potrebbe essere quella della consacrazione definitiva, che ancora qui non si compie. Per ora mi lascio andare nel dondolio magnetico di Martin, godendomi il talento giovane e sincero di Will Toledo.

Car Seat Headrest - Making A Door Less Open
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Franco Zucchermaglio

Written by

Classe 1965, bolzanino di nascita, vive a Firenze dal 1985; è convinto che la migliore occupazione per l’uomo sia comprare ed ascoltare dischi; ritiene che Rolling Stones, Frank Zappa, Steely Dan, Miles Davis, Charlie Mingus e Thelonious Monk siano comunque ragioni sufficienti per vivere.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.