Guignol – Luna Piena e Guardrail
Atelier Sonique - 2020

Recensione: Guignol – Luna Piena E Guardrail

Pier Adduce presenta Guignol – Luna Piena E Guardrail.

Con questa loro ultima uscita, Luna Piena E Guardrail, i Guignol proseguono il loro ormai pluriennale viaggio nella dolente fauna delle periferie, milanesi e non solo. Le tematiche dell’alienazione e del disadattamento di fronte alla grande metropoli, specialmente per chi ci si è trovato catapultato da ben altre realtà, avevano già trovato il loro pieno sviluppo nel precedente Porteremo Gli Stessi Panni.

Guignol – Luna Piena e Guardrail

Atelier Sonique / Orzorock Records – 2020

E lì erano state dichiarate apertamente anche le muse ispiratrici: Luciano Bianciardi e Rocco Scotellaro. Storie di gente che esce di casa spesso senza sapere neanche perché e finendo per trascinarsi da un bar all’altro (Il Vizio). E che ci rientra allo stesso modo, giorno dopo giorno, prigioniera di una “famiglia” che in comune finisce con l’avere solo la residenza (Il Pendolo).

I temi preferiti dei Guignol

Perenne desiderio di ribellione che non riesce a sfociare se non nell’intruppamento in bande di “lupi di periferia” – per dirla con Dalla – senza raggiungere nessun tipo di evasione duratura. Un’umanità divisa fra chi esce senza sapere dove andare e perché e chi aspetta un ritorno a casa sempre messo in dubbio. Si mette in scena la disillusione di un’intera generazione che cerca comunque di confrontarsi con i valori di quella precedente, dichiarando la propria impossibilità di continuare a farsene portatrice (Zio Zio). E nella descrizione chirurgicamente, ma anche poeticamente, spietata di questa umanità dolente non manca il riferimento a chi ne è ormai parte essenziale, l’immigrato “clandestino” privo di diritti, perfino di quello all’esistenza (Via Crucis).

Guignol – Luna Piena E Guardrail: un ritorno alle origini

Musicalmente il disco segna in un certo modo un ritorno alle origini rispetto al precedente: pochissime tracce della strumentazione “folk” (violino ed armonica) che aveva caratterizzato alcuni brani di Porteremo Gli Stessi Panni. Qui si torna, per così dire, al rock e le chitarre – sia acustiche sia elettriche – e la ritmica tornano a farla abbastanza da padrone. Anche se non mancano ballate con un certo “protagonismo” del piano e brani che richiamano perfino il primo cantautorato italiano e fanno pensare – specialmente nell’incipit – a Piero Ciampi e soprattutto a Luigi Tenco (Se Potessi).

 

Un violino fa, per la verità, capolino sia in Via Crucis sia nel pezzo finale, Luna Piena E Guard Rail, ma serve semmai in entrambi i casi a sottolineare ancora di più l’atmosfera notturna e tutt’altro che “tranquillizzante” dei medesimi. Degni di nota anche i “controcanti” di una voce femminile in Il Vizio e in Notte Di Fine Luglio. Ci sembra che con questo disco Pier Adduce continui a scavare senza indulgenza nelle sue ansie e aggiunga un altro importante tassello alla maturità della propria scrittura. E la sua voce, a volte leggermente nasale, riveste come forse meglio non si potrebbe le sue storie.

Guignol – Luna Piena E Guardrail
7,8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Renzo Nelli

Written by

“Giovane” ultrasessantenne, ha ascoltato e ascolta un po' di tutto: dalla polifonia medievale all'heavy metal passando per molto jazz, col risultato di non intendersi di nulla! Ultimamente si dedica soprattutto alla scoperta di talenti relativamente misconosciuti.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.