Low Ones and Sixes cover

Ones And Sixes conferma la grandiosità problematica dei Low.

Low Ones and Sixes cover
Sub Pop -2015

 

 

I Low sono un nome importante del rock americano, creano dischi al tempo stesso grandiosi e spogli come le cattedrali del primo gotico e, al pari di queste, suscitano emozione e timore reverenziale. Eppure il trio di Duluth sembra sempre fermarsi a un passo dall’assoluto, un po’ perché l’assoluto è cosa proibita e soprattutto perché c’è in loro troppo controllo. Non a caso Alan Sparhawk, leader del gruppo insieme alla moglie Mimi Parker,  descrive questo Ones And Sixes come “uno sforzo organizzato per creare casualità e/o caos”.

 

Dopo due lavori un po’ meno plumbei del solito quali C’mon e The Invisible Way, Ones and Sixes disco si affida sovente a percussioni elettroniche e suoni industriali a cui fanno da contrasto/connubio le voci innodiche di Sparhawk e Parker; l’effetto d’insieme è potente eppure un po’ troppo strutturato, forse per autodifesa (dieci anni fa Sparhawk visse un grave esaurimento nervoso) forse per evitare di cadere in qualche forma di estetismo fine a se  stesso. Il risultato è che i momenti più simili a canzoni pop suonano poco motivati, quasi esercizi di stile (salvo What Part Of Me, bell’esempio di orecchiabilità problematica) e finiscono per depotenziare l’epos austero di No Comprende o di Landslide, quasi dieci minuti di laceranti ossessioni chitarristiche con occasionali oasi, o forse miraggi, di serenità.

Ancora una volta, Ones And Sixes è un grande disco a cui manca poco per essere grandissimo.

Low – Ones And Sixes
7,4 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

 

print

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.