Teenage Fanclub – Endless Arcade

L’Endless Arcade dei Teenage Fanclub incontra un momento un po’ problematico.

Teenage Fanclub - Endless Arcade
PEMA – 2021

 

Sono tornati i Teenage Fanclub e, proprio come l’ultima volta che ne abbiamo parlato qui, molti anni sono passati dal disco precedente. Here era uscito nel 2016, con ottime recensioni della critica. Nel 2018 uno dei tre leader, il compositore e vocalist Gerald Love, ha abbandonato la formazione  lamentando lo stress dei lunghi tour. Naturalmente all’epoca era totalmente ignaro della situazione drammatica e senza musica dal vivo in cui ci troviamo ora. L’ingaggio di Euros Childs (leader dei defunti Gorky’s Zygotic Minci) non è propriamente una sostituzione, piuttosto un  collante, a base di tastiere, per l’impasto sonoro della band.

La parca produzione discografica dei Teenage Fanclub

Nella loro storia ormai più che trentennale i Teenage Fanclub hanno prodotto solo una dozzina di dischi,  tutti di qualità generalmente alta. I picchi del passato sono probabilmente irraggiungibili (parlo di Bandwagonesque, Songs From Northern Britain e il già citato Here). L’assenza di Love da quello che era un consolidato trio compositivo sbilancia Endless Arcade più del previsto, togliendo un peso  importante nel confronto artistico interno alla band. Detto questo, si può comunque contare, ancora una volta,  sulle fresche melodie pop e i refrain cantabili che sono il tratto caratteristico del gruppo scozzese.

Come se la cavano i Teenage Fanclub di Endless Arcade senza Gerald Love?

I dodici brani di Endless Arcade sono rigidamente divisi  a metà: sei di  Norman Blake e sei di Raymond McGinley, in piena alternanza democratica. Il primo sembra possedere, al momento,  la migliore ispirazione firmando,  con Home e The Sun Won’t Shine On Me i momenti più belli del disco. Le due canzoni sono  indebitate con la musica e le atmosfere sixties dei Byrds ,una piacevole consuetudine per Blake, molto rogermcguinnico anche nella voce. Da parte di  McGinley, invece, un lavoro a corrente alternata, tra spunti beatlesiani e una scrittura maggiormente introspettiva e malinconica che condiziona un po’ la tracklist. Come prima accennavo, la coppia rimasta alla guida del gruppo sembra patire oltremodo, specie in termini di varietà d’ispirazione,  la defezione di Gerald Love. Forse le immobili statue della copertina rappresentano bene il momento di stallo dei Teenage Fanclub, un gruppo che comunque si fa apprezzare anche quando, come qui, non tocca l’eccellenza ma muove piacevolmente all’ascolto.

Teenage Fanclub - Endless Arcade
6,8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Di Fausto Meirana

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.