Recensione: The Killers – Imploding The Mirage
Island – 2020

Recensione: The Killers – Imploding The Mirage

Sesto disco per The Killers: Imploding The Mirage.

Recensione: The Killers – Imploding The Mirage

Island – 2020

The Killers sono in giro da oltre quindici anni ormai, e nel tempo hanno prodotto, incluso l’ultimo Imploding The Mirage, sei LP dei quali ricordiamo soprattutto una manciata di buoni singoli: Mr Brightside, Human, Somebody Told Me. Dal penultimo Wonderful Wonderful si potrebbe citare anche The Man con i suoi richiami a Fame di David Bowie. Nel complesso la band di Brandon Flowers è sempre sembrata una grande riciclatrice di suoni degli ultimi 40 anni, attingendo dal synth pop degli 80s al già citato Bowie alla magniloquenza degli U2.

Le influenze e le collaborazioni di The Killers in Imploding The Mirage

Nel nuovo Imploding The Mirage emerge anche un legame, già presente sporadicamente in passato, con la tradizione rock americana più classica, tanto che a tratti (si ascolti Caution) i Killers del 2020 suonano come un incrocio fra Bruce Springsteen e i Duran Duran. Ma ci sono echi anche del Tom Petty anni ’80, dei Cars, dei Dire Straits (Running Towards a Place).

 

Partito il chitarrista solista Dave Keuning i Killers sono rimasti in tre. Flowers, com’è sempre stato, è accreditato quale principale compositore, qui accompagnato a tratti dal bassista Stoermer e dal batterista Vannucci, spesso da Alex Cameron (accreditato già nel disco precedente) e dal Jonathan Rado dei Foxygen, che si occupa anche della produzione insieme a Shawn Everett, pure accreditato in qualche episodio come coautore. Sono presenti anche contributi di Lindsey Buckingham (Caution), di k.d. lang (Lightning Fields), Weyes Blood (My God), Adam Granduciel/The War On Drugs, l’ormai onnipresente Blake Mills, nessuno dei quali lascia una traccia particolarmente evidente.

I momenti migliori del nuovo disco

È comunque uno sforzo collettivo quello che dà vita a Imploding The Mirage. Ma con quali risultati? Diciamo che questa volta è assente il singolo in grado di lanciare il resto del disco, anche se non mancano buoni momenti. Per chi scrive soprattutto l’iniziale My Own Soul’s Warning, Fire in Bone tra Bowie e U2, la ritmica My God. Non male When the Dreams Run Dry e la title track in chiusura, che soffrono però di quella magniloquenza che inficia spesso la produzione dei Killers. Il resto passa, ascoltabile, ma senza che venga voglia di tornarci su. Nell’insieme non una prova del tutto negativa, ma diciamo che Brandon Flowers & The Killers hanno saputo fare di meglio.

The Killers – Imploding The Mirage
6,8 Voto Redattore
8.5 Voto Utenti (4 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.