Da Stand By Your Man a Stand On Your Man secondo Lavender Country/Patrick Haggerty

Nel 1968 la diva country Tammy Wynette conobbe il maggior successo della sua carriera con Stand By Your Man,  canzone che, senza mezzi termini, invitava le donne a stare accanto ai propri uomini a dispetto dei loro difetti. Inutile dire che, in un anno di grandi rivolgimenti socio-culturali, il messaggio suonò inesorabilmente conservatore. Il guaio è che la roboante melodia del pezzo è di una seduttività a dir poco imbarazzante per chi ha altre idee sul ruolo della donna.

Del paradosso si è accorto Patrick Haggerty, anziano attivista LGBTQ e strenuo combattente per i diritti delle minoranze, ma anche abile musicista country e leader di un collettivo denominato Lavender Country, di cui abbiamo da poco recensito l’album Blackberry Rose. Insieme a Lamar Van Dyke Haggerty ha riscritto radicalmente Stand By Your Man trasformandone il titolo in Stand On Your Man (una parolina che cambia tutto…) e affidandola alla voce di Nikki Grossman. Il nuovo testo, che l’autore definisce esplicitamente “parodia” non ha bisogno di spiegazioni e suona ancora più divertente se si immagina la protagonista con una cotonatura monumentale giusto in stile Tammy Wynette dei tempi d’oro. L’illustrazione è, come di consueto, firmata da Alberto Valgimigli.

Tu sai bene come sia duro essere una donna
Se ti trovi infognata con un uomo che si crede un fenomeno
Ma se comincia a fare lo stronzo piglialo a calci in culo
Finché non impara a obbedirti all’istante

Digli che deve cambiare i pannolini
Digli che deve disinfettare il bidone della spazzatura
Digli di pulire casa
Mentre tu passi da un locale all’altro
Altrimenti fai scoppiare un merdone

Stai sopra il tuo uomo
Fallo inginocchiare
Fagli dire “per favore, per favore”
E chiedigli come pensa di adorare le tue scarpe

Stai sopra il tuo uomo
Dagli un tacco di stivaletto da leccare
O in poco tempo ti starà sulle palle
Come un idiota tutto steroidi

Stai sopra il tuo uomo
E se a letto non fa il suo dovere
Picchialo sulla testa
E usa una padella di ghisa
Stai sopra il tuo uomo
O avrà problemi di comprendonio
E diventerà un repubblicano stile Trump

Stai sopra il tuo uomo, stai sopra il tuo uomo
Stai sopra il tuo uomo

 

print

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.