Dropkick Murphys - 2021

Recensione: The Dropkick Murphys – Turn Up That Dial

The Dropkick Murphys: un pilota automatico ma virtuoso.

The Dropkick Murphys

Dropkick Murphys – 2021

Dovessi scegliere una band in grado di esprimere al 100% il significato di pilota automatico credo che i Dropkick Murphys siano un ottimo candidato. Dieci dischi dal ’96 a qui, più tutta una svariata serie di EP e singoli, e mai una volta che i finti-irlandesi-veri-bostoniani abbiano provato a cambiare rotta, e mi sa che va bene così.

Turn Up That Dial  e l’arte del non cambiare

Turn Up That Dial fa quello che deve fare, forse addirittura un po’ meglio delle ultime volte, e parla direttamente a quel pubblico che sa benissimo cosa aspettarsi e non vede l’ora di andare a tirar gomitate amichevoli sotto un palco, oggi più che mai. E che intanto alza al massimo il volume, come da suggerimento del titolo. Ci sono echi dell’hardcore degli albori, ma anche i soliti Pogues, qui citati forse ancora più insistentemente con Queen of Suffolk County. Il punto è che coi Dropkick Murphys non si parla esattamente di musica. Si parla di festa, concerti, cantare a squarcia gola “Mick Jones leave my pudding alone”. Non importa se il disco è bello, ai concerti ci andranno tutti ugualmente. Vabbè, andremo. Vengo anch’io.

The Dropkick Murphys - Turn Up That Dial
7,1 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Written by

Appassionato di musica, cinema e fotografia, ha costretto suo padre ad anni di Springsteenianismo acuto. Ora, quasi trentenne, pare essere guarito e ascolta il punk che avrebbe dovuto ascoltare a sedici anni.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.