The Streets - None of Us Are Getting Out of This Life Alive
Island - 2020

Recensione: The Streets – None of Us Are Getting Out of This Life Alive

The Streets da Original Pirate Material a None of Us Are Getting Out of This Life Alive.

Nell’ormai lontanissimo 2002, Original Pirate Material costituì una novità strabiliante. Ancora il rap inglese era in via di sviluppo, e l’esordio di The Streets sembrava in grado di mettere insieme tante cose differenti. Il peso crescente dell’hip-hop sulla gioventù anche non di colore, certamente, ma anche tante parte della tradizione musicale inglese dalla fine degli anni ’70 in poi, perché i campionamenti di quel disco facevano pensare tanto agli Specials quanto a Eminem. Persino la copertina resta iconica, con le luci della desolazione delle periferie.

The Streets - None of Us Are Getting Out of This Life Alive

Island – 2020

La carriera successiva di Mike Skinner aka The Streets non è più arrivata a quel livello, anche se alcuni preferisco il secondo disco. Ma tutti concordano sul fatto che negli anni successivi, nonostante buoni concerti e una personalità interessante, non si è più ripetuto. Nel 2011 ha mollato, pur continuando a prodursi live, e ora torna con un disco presentato come un mixtape forse per togliersi l’ansia da prestazione di dosso: None of Us Are Getting Out of This Life Alive.

Alcune collaborazioni importanti

Che non sia proprio un disco buttato lì lo si capisce dagli ospiti iniziali. Tame Impala su Call My Phone Thinking I’m Doing Nothing Better e Idles per la title track. La prima richiama la band di Kevin Parker soprattutto all’inizio, mentre nella seconda il duetto fra Mike Skinner e Joe Talbot è un momento che potrebbe piacere ai fan degli Sleaford Mods.

 

Gli altri ospiti sono meno noti ma sono tanti: ogni brano vede The Streets accompagnato da qualcuno. In particolare convincono I Know Something You Did con Jesse James Solomon e Eliza, ballata soul malinconica con belle tastiere;  ma anche The Poison I Take Hoping You Will Suffer con Oscar #Worldpeace e Same Direction con Jimothy passano bene.

Il presente e il futuro di The Streets

Non è il ritorno destinato a far rimontare The Streets al centro della scena. L’hip-hop ha preso strade diverse, The Streets è ancora bravo a creare e assemblare i suoni e i 40 minuti di None of Us Are Getting Out of This Life Alive scorrono bene, ma a parte gli episodi menzionati non lasciano particolare traccia. Forse Mike Skinner avrebbe bisogno di trovare un’iniezione di fiducia, perché il talento si sente anche in questo episodio magari minore, ma comunque più ascoltabile di tanta produzione odierna.

The Streets - None of Us Are Getting Out of This Life Alive
7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.