Whitney K - Two Years
Maple Death Records - 2021

Recensione: Whitney K. – Two Years

Two Years è il primo album dello strano e talentuoso Whitney K.

Whitney K - Two Years

Maple Death Records – 2021

Sulla copertina di Two Years il giovane talento nord-canadese Whitney K. ha una faccia parecchio strana (come se sotto il giubbotto di jeans nascondesse licheni di contrabbando). E forse un po’ strano  lo è davvero. Intanto ha impiegato cinque anni per dare seguito all’EP  Goodnight, però intitolando “Due anni” questo primo LP. Poi ha trascorso infanzia e adolescenza a Whitehorse, capitale e unica ‘città’ dell’immenso e vuoto Yukon, dove d’inverno c’è poca luce e d’estate  ce n’è troppa (ma la cosa davvero preoccupante è e che da qualche anno ha deciso di tornarci). Infine, per continuare a parlare di luoghi, la canzone che chiude Two Years è un inno sentimentale ambientato in una località balneare da film distopico come Ocean City, Maryland. Da ultimo il nome: Whitney K. farebbe  inevitabilmente immaginare una cantante nu-soul e invece ci troviamo davanti a Konner Whitney,  di mestiere cantautore più o meno folk.

Canzoni e suggestioni di Two Years

Dunque un bel tipetto, ma che dire del disco? La cosa più importante è l’indubbia sintonia fra la musica e il tipetto medesimo. Qualcuno ha descritto Two Years come l’album di una rinascita spirituale, rinascita caratterizzata da un certo torpore iniziale da cui si evolve una presa di coscienza delle proprie responsabilità individuale – tutto nella prima canzone – per poi passare all’atto d’accusa verso le politiche energetiche canadesi in Trans- Canada Oil Boom Blues. Come melodie si vada da un folk esistenzialista-litanico a  un blues nervoso alla Bob Dylan 1965/Velvet Underground 1968. Il resto del disco si evolve secondo una dimensione tra il pigro e lo stuporoso  nel solco del connazionale Mac DeMarco  o di Josh T. Pearson (Me Or The Party #165 #166, The Weekend) con improvvisi soprassalti in chiave più o meno indie country  (Last Night # alla Silver Jews).

Whitney K e il suo strano storytelling

Quanto alla rinascita spirituale, ci sono lungo il percorso dubbi esistenziali (“dimmi chi ami? Me o la festa?”) e piccole lezioni di vita (“Avere tutto/ Non significa avere tutto nello stesso momento”) per arrivare infine alla già citata Maryland, la canzone più bella e più melodicamente compiuta del disco, un inno all’amore on the road, con un’ambientazione non proprio da cartolina (il Maryland, appunto, ma quando c’è l’amore si sa che il posto poco importa).

Ecco, se qualcosa  manca a Two Years è una maggiore strutturazione sonora: tutto è simpatico, tutto è interessante, ma solo Maryland -assieme forse a Me And The Party – è davvero memorabile. Sarà comunque interessante vedere come si svilupperà il talento, senza dubbio apprezzabile, di Whitney K. Se non scomparirà altri cinque anni.

Whitney K - Two Years
7 Voto Redattore
10 Voto Utenti (1 voto)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.