Yung Lean – Starz
YEAR0001 – 2020

Recensione: Yung Lean – Starz

Musica al tempo del lockdown: Yung Lean – Starz.

Yung Lean – Starz

YEAR0001 – 2020

Mentre ci sono i primi cenni di fine del lockdown, con conseguenze ancora da valutare, ecco un disco che invita se non a stare in casa, almeno alla solitudine: Starz è l’atteso seguito dell’ottimo Stranger, uscito ormai nel 2017, anche se Yung Lean nel frattempo si è fatto sentire con musica varia, incluso un mixtape di buona qualità, Poison Ivy. Però Starz è il disco che deve confermare quanto costruito dal giovane musicista svedese. Se si amano le etichette,  Jonatan Leandoer nasce come rapper, ma certo la sua non è musica per i party. In assenza di una promozione ‘fisica’, con il breve tour previsto da Yung Lean tristemente cancellato al pari di tutti gli altri, resta il live nel back of the truck a dare l’atmosfera giusta.

La produzione di Whitearmor

Cloud rap, altra etichetta, ossia basi ai confini del trip-hop, che grazie al produttore di fiducia Whitearmor compie una evoluzione definitiva.

 

La coppia Yung Lean – Whitearmor prosegue con Starz il discorso iniziato su Stranger, rendendo ancora più evidente l’utilizzo dell’ambient per costruire panorami sonori gelidi sui quali il senso melodico è spesso dato dalla sola traccia vocale. È un po’ la chiave per comprendere tutta la musica del duo, che informa l’intero Starz e che mostra una ricerca sui suoni notevole: synth spettrali, qualche traccia di organo, pochi beats, rumori di fondo già dalla traccia di apertura, My Agenda. Qualche canzone, per esempio Hellraiser, mostra un nesso con la trap, ma è veramente labile.

I brani già noti e quelli nuovi di Yung Lean – Starz

Alcuni brani erano usciti in anticipo, come Boylife In EU, che nel titolo potrebbe suonare come una risposta a Boylife In America di Cody ChesnuTT, se non che lì il testo prendeva in giro l’American way of life, qui invece Yung Lean tocca uno dei suoi temi costanti, ossia l’impossibilità dei sentimenti: “Toccami, avanti, sentimi. Guariscimi come se ti importasse di me. Toccami, decomponimi. Guariscimi, non vuoi vedere il vero me? Eccitami, uccidi il vero me. Eccitami, sei al mio fianco, ma sei davvero con me?”.

 

Molte le tracce da menzionare. Dance In The Dark ha il solo difetto di finire troppo presto, un verso centrale con il coro all’inizio e alla fine, rimane subito in mente. Iceheart, la title track con Ariel Pink (che non si sente più di tanto), Pikachu hanno pure un impatto immediato, ma nell’insieme Starz è un disco nel quale è necessario immergersi con calma perché divenga efficace. Put Me In A Spell si intitola il brano che chiude, e un incantesimo è in effetti quello che l’ascolto prolungato sembra produrre.

Yung Lean – Starz
8,2 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. La foto del profilo dice da dove sono partita e le origini non si dimenticano; oggi ascolto molto hip-hop e sono curiosa verso tutte le nuove tendenze. Condividere gli ascolti con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.