tame impala
@ Alberto Valgimigli

Traduzione testo: Tame Impala – Posthumous Forgiveness

Posthumous Forgiveness: Kevin Parker/Tame Impala parla al padre.

Dal recente album dei Tame Impala, The Slow Rush, un testo che è proprio quel che dice il titolo: un perdono postumo. Il leader del gruppo australiano, Kevin Parker, si rivolge al padre Jerry, scomparso qualche anno fa con uno stato d’animo che, in modo sorprendente e affascinante, passa dalla rabbia alla comprensione all’affetto, persino.

tame impala

@ Alberto Valgimigli

Sin da quando ero bambino
Nessuno mi sembrava paragonabile a te
Pensavo che gli eroi fossero sempre al tuo fianco
Quando arrivano i tempi duri

Non sapevo
Che non va sempre così

Ogni parola detta da te
Per me era vera senza discussioni
Dicevi a entrambi di avere fiducia, che ci saremmo salvati tutti
Ma adesso so che hai salvato solo te stesso

Pensavi non l’avrei mai saputo?
Che crescendo non avrei mai aperto gli occhi?

E riuscivi a far stare un oceano in ogni buco
Delle spiegazioni che ci davi
E quando tempo ne avevi ancora, quando una possibilità ti era rimasta
Hai deciso di portare i tuoi “mi dispiace” nella tomba

Pensavi non l’avrei mai saputo?
Che crescendo non avrei mai aperto gli occhi?
Speravi non mi sarebbero venuti dei dubbi?
Ti sei mai chiesto se avrebbe funzionato?

Stavi correndo a nasconderti
Proprio come fanno tutti
Hai perso la testa per la tua amante
Non sapevi che avrei sofferto?
Proprio una bella scoperta
C’era tempo per sistemare le cose
Per confrontarci faccia a faccia
Un ragazzo e suo padre, niente di più
Cosa avrei dato per cambiarlo con un altro

Tutto ciò che ho
Non potrebbe servire a lungo
Non parlavi mai di quando
Ci hai lasciati soli
Steve e io senza nessuno insieme a noi
Voglio raccontarti di quella volta
E voglio dirti della mia vita
Voglio suonarti tutte le mie canzoni
Impara le parole, canta con me

Voglio dirti di quella volta

Che ero ad Abbey Road
O di quando ero con
Mick Jagger al telefono
Penso a te e a quando ci parlavamo
Voglio raccontarti di quella volta
E voglio dirti della mia vita
E voglio suonarti tutte le mie canzoni
Sentire la tua voce che canta con me

Voglio dirti che è tutto a posto
Dopo tutto sei umano
E so che hai i tuoi demoni
Qualcuno ce l’ho anch’io
Forse me li hai passati tu
Voglio raccontarti di quella volta
Voglio dirti della mia vita
Voglio suonarti tutte le mie canzoni
E sentire la tua voce che canta con me

print
Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.